Istat: cala il tasso di disoccupazione al 9,5%



istat

Secondo l’Istat la disoccupazione è in calo e aggiorna così il minimo del 2011. Cala anche il dato giovanile, stabile il numero degli occupati

Istat ha reso note le cifre riguardanti il tasso di disoccupazione. Stando all’agenzia di statistica torna a scendere la disoccupazione. Gli ultimi dati risalgono ad agosto, mese in cui il tasso è sceso al 9,5%. Tale percentuale aggiorna il minimo del 2011 e incoraggia sull’occupazione. Lascia ben sperare la fascia giovanile,  i ragazzi di età compresa tra i 15 e i 24 anni che cercano e non trovano lavoro, è scesa di 1,3 punti percentuali. Il dato è su base mensile, nel complesso raggiunge il 27,1%.

Buone notizie per quanto riguarda il mondo degli occupati che resta stabile. Nello specifico l’Istat segnala un incremento dei dipendenti, +32mila, a fronte però dei liberi professionisti che invece scendono a -33mila. I numeri appaiono piuttosto imparziali. Se da un lato il calo della disoccupazione è evidente, dall’altro lo scenario è mitigato dal numero invariato degli inattivi.

L’Istat è su questi campioni che punta l’accento, ricordando che gli inattivi sono coloro  che non hanno un impiego e non lo cercano. Seppur nel totale invariato, questo panel è tornato sensibilmente a salire negli ultimi 5 mesi. L’Istat rivela inoltre il tasso di occupazione, stabile 59,2% è che resta basso rispetto alla media Europa. Sorpresa invece per le fasce riguardanti il sesso dei richiedenti lavoro. Sale a+3mila il dato femminile, a fronte di quello maschile che cala a -4mila.

 

Leggi anche