Juventus-Napoli
Twitter @juventusfc

Sul caso Juve-Napoli dovrà pronunciarsi il Collegio di Garanzia del CONI. Per il ricorso di De Laurentis si apre uno spiraglio di luce

Sul match Juve-Napoli si esprimerà martedì 22 dicembre il Collegio di Garanzia del CONI. L’ultimo grado della giustizia sportiva dovrà sentenziare sul ricorso presentato dai partenopei per il 3-0 a tavolino.

La società di De Laurentiis ha presentato un’integrazione alla propria memoria, mentre dall’altro lato la Figc (come la Juventus) ha scelto di non costituirsi e quindi non porterà nuovi elementi all’attenzione della corte. Questa situazione potrebbe rappresentare un piccolo vantaggio per il Napoli, in quanto gli avvocati federali potranno commentare solo gli atti già noti e non quelli nuovi. Una decisione, quella di non costituirsi, che la federazione ha assunto anche in relazione all’altro giudizio atteso martedì, ovvero quello sulla sconfitta a tavolino della Roma contro il Verona per la vicenda Diawara. La FIGC appare dunque sicura della propria posizione, ma in casa Napoli si dicono certi di riuscire a ribaltare la sentenza e di poter giocare la partita.

Secondo quanto riportato da La Repubblica, tra l’ altro, in Lega Serie A si sta già parlando di date. Sicuramente non si potrà scendere in campo il 13 gennaio come inizialmente preventivato, causa Coppa Italia. Juve-Napoli potrebbe dunque disputarsi più in là, ma ciò che rileva è il fatto che la questione sia argomento di discussione. Questo, infatti, può rappresentare un’indicazione importante sul possibile esito della sentenza attesa per martedi.