regina elisabetta
Screen da yt

Buckingham Palace rende noto che la Regina Elisabetta ha privato i Duchi di Sussex del loro status di royal seniors. Ora non potranno patrocinare una serie di eventi in qualità di membri della famiglia reale

La Regina Elisabetta II del Regno Unito ha ufficialmente privato Harry e Meghan dei loro titoli di patroni di una lunga serie di attività appannaggio dei membri della famiglia reale. È Buckingham Palace a dare la notizia, la residenza della Royal Family. Il brevecomunicato dice che la regina ha avuto un colloquio con il Duca di Sussex (suo nipote Harry) e poi ha annunciato la sua decisione mediante una lettera. Confermata dunque la revoca dello stato di membri senior della famiglia reale.

Potrebbe interessarti:

Il comunicato precisa che: “La Regina ha scritto confermando che, nell’allontanarsi dai doveri della Famiglia Reale non è possibile continuare con le responsabilità e i doveri che vengono da una vita dedicata al servizio pubblico“. Pertanto i Duchi del Sussex perdono i titoli onorifici loro concessi, che torneranno alla Regina Elisabetta, “prima di essere redistribuiti fra i Membri Attivi della Famiglia Reale“.

Una decisione difficile ma attesa da tempo

Harry e Meghan avevano deciso di lasciare ufficialmente la royal family da tempo, e avevano ufficializzato la cosa il 1° Marzo 2020. IDuchi di Sussex e la Corona avevano concordato un anno di tempo, prima di riesaminare di nuovo la questione. Giunti quasi alla scadenza del termine, la coppia aveva chiesto una proroga alla Regina, proprio per non perdere il loro ruoli di patroni in alcune organizzazioni a loro particolarmente care. Ma alla fine Buckingham Palace ha deciso di non concedere oltre questo privilegio alla coppia. Che adesso è formalmente libera da incarichi ufficiali e impegni di rappresentanza a nome della Famiglia Reale. Il comunicato si chiude con: “Sebbene tutti sono rattristati dalla loro decisione, il Duca e la Duchessa rimangono membri molto amati della famiglia“.

Nel frattempo, Harry e Megan stanno continuando la loro carriera di imprenditori di loro stessi, siglando accordi con Netflix e Spotify.

Letture Consigliate