scosse

L’Italia continua a tremare, nella notte altre 100 scosse hanno interessato le zone delle Marche ed Umbria con magnitudo tra i 3 e 3.5

[ads1]

Potrebbe interessarti:

L’Italia continua a tremare.

Dopo il terremoto che ha colpito lo scorso 24 agosto la città di Amatrice, rasandola completamente al suolo, altre scosse interessano la zona degli Appennini.

Questa notte infatti, altre 100 scosse di terremoto di magnitudo non inferiore a 2 sono state registrate nelle zone tra Marche ed Umbria. A rivelarlo è stato l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia ( Ingv), il quale ha sottolineato che undici di queste sono state di magnitudo compreso tra i 3 e i 3.5, la più forte alle 4.13 con epicentro a Fiordimonte e a 10 km di Ussica ( Macerata).

Dunque la notte del 28 ottobre 2016 è stata molto movimentata per i residenti della zona. Tutti gli abitanti sono stati sistemati presso strutture provvisorie, palazzetti dello sport e qualche tenda. Alcuni gruppi di terremotati sono stati già trasferiti negli alberghi della costa, come ad esempio gli sfollati di Visso.

In seguito a tale evento il Premier Renzi in visita a Camerino, ha sostenuto che gli abitanti devono essere trasferiti al più presto, in quanto con l’arrivo dell’inverno la tenda non è grado di sopportare le diverse condizioni climatiche.

Il problema fondamentale però, sembra essere la mancanza di edifici agibili in tutta l’area del sisma, dunque non sarà certo facile trovare una sistemazione adeguata e di lunga durata ai residenti della zona interessata.

[ads2]

Letture Consigliate