doping

Lo scandalo doping si allarga. Sono stati rilevati nuovi casi di positività su atleti testati a Pechino e a Londra, lo ha reso noto il Comitato Olimpico Internazionale

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Lo scandalo doping si allarga. Adesso i controlli sono stati estesi anche agli atleti già medagliati e vincenti nelle precedenti edizioni dei Giochi. Una prima ondata di controlli aveva fatto emergere altri 53 nuovi casi di positività, tra atleti partecipanti alle edizioni di Pechino e di Londra. Si è proceduto ad effettuare nuovi controlli antidoping su un totale di 1.243 campioni che erano stati prelevati nelle ultime due edizioni e che ora si è provveduto ad analizzare con l’ausilio di metodi più moderni.

Dopo lo scandalo degli insabbiamenti relativi alla federazione russa, adesso il Comitato Olimpico Internazionale si mostra più severo nei confronti degli atleti e questa campagna a tappeto, hanno già fatto sapere dal CIO, continuerà anche dopo le Olimpiadi di Rio, con altre due fasi di controlli.

I risultati di questa ondata di controlli hanno rilevato 45 atleti positivi. Rispettivamente, per l’edizione di Pechino i nuovi casi sono stati 30, in quattro sport, fra atleti provenienti da 8 Paesi: di questi, 23 sono atleti medagliati. Per le Olimpiadi di Londra sono invece 15 i casi di doping, in due discipline, e riguardano atleti di 9 Paesi, per un totale di 98 atleti positivi.

 Intanto il Comitato ha rimandato a domenica 24 luglio la decisione riguardo l’esclusione della federazione russa dalle Olimpiadi, dopo la diffusione del famoso rapporto Wada, che rivela un metodo sistematico di insabbiamento dei casi di doping tra gli atleti russi.

[ads2]

Letture Consigliate