Manovra economica: ora il Governo tende la mano all’Europa



Manovra economica
Senato

Sia Di Maio che Salvini lanciano messaggi concilianti all’Europa per la manovra economica. Il nodo principale è il deficit

Il dietrofront del Governo, che non battaglierà più con l’Europa, desta non poche perplessità. Sulla manovra economica, il Governo non la sfiderà. Lo assicura il leader M5S, Luigi Di Maio, che si allinea sulle posizioni della Lega.

L’obiettivo è realizzare le misure economiche, non sfidare l’Europa sui conti. La legge di bilancio sarà coraggiosa, rassicurerà i mercati e le famiglie tenendo i conti in ordine. Ci deve essere il reddito di cittadinanza, ci deve essere il superamento della Fornero, ci devono essere gli aiuti alle imprese per gli sgravi fiscali. La nostra linea è realizzare dei punti di programma. Quali saranno i parametri economici lo stiamo discutendo adesso e lo stiamo definendo in queste riunioni che ci permettono di fare un gioco di squadra in cui tutti vogliono arrivare a un obiettivo: cambiare l’Italia, cambiare tutto, perché siamo il Governo del cambiamento.” ha dichiarato. Un messaggio chiaro e tondo alla Lega, soprattutto dopo i fatti successi martedì.

E l’effetto delle dichiarazioni sul provvedimento si avvertono già per i mercati. Infatti, lo spread che torna a quota 250 punti, dopo i picchi sopra 290 dei giorni scorsi.
La nostra sarà una manovra economica nel segno della crescita nella stabilità.” ha dichiarato Giuseppe Conte.

L’unico nodo che resta è quello del deficit/Pil. La Lega ha già detto che intende spingersi poco sopra il 2%, ma Giovanni Tria preme per una linea “prudente”.
Di Maio, però, garantisce: “Non parlerei di contrapposizione con Tria, stiamo facendo gioco di squadra, il nostro obiettivo è migliorare le condizioni del Paese e lo faremo con una legge di bilancio coraggiosa e che terrà i conti in ordine.

Leggi anche