La vita di Marilyn Monroe diventa una miniserie

marilyn monroe

La vita dell’eterna diva di Hollywood Marilyn Monroe diventa una miniserie in 10 episodi

La vita dell’eterna diva di Hollywood Marilyn Monroe presto sarà raccontata in una miniserie di 10 episodi, prodotti da Michel Merkt e Marianne Maddalena. Alla realizzazione dell’adattamento televisivo parteciperà anche Sebastien Cauchon, autore del romanzo biografico “Marilyn 1962” da cui sarà tratta la serie tv. Infatti la Berry Films ha già ottenuto i diritti sul libro.

Chi è stata Marilyn

Star del cinema consolidata, dopo il matrimonio fallito con il campione di baseball Joe Di Maggio e continui alti e bassi nella sua vita privata, Marilyn ritorna sul grande schermo con A qualcuno piace caldo (1959) e immediatamente il personaggio da lei interpretato si stampa indelebilmente nelle menti di ogni spettatore. La Monroe è stata icona di stile ma soprattutto ideale di donna per intere generazioni. Non a caso proprio lei è stata definita l’ultima sex symbol d’America.

Gli ultimi due anni di vita

Precisamente un anno dopo all’uscita di questa pellicola, nel 1960, Marylin Monroe riceve il Golden Globe come migliore attrice. Medesimo riconoscimento due anni dopo, nel 1962, quando intraprende una relazione segreta con il Presidente degli Stati Uniti J.F. Kennedy e il fratello Robert. Ed è allora che la sua instabilità mentale inizia a vacillare: la donna si gettava a capofitto in storie d’amore malsane, altalenanti e precarie, perché era in depressione. Le uniche consolazioni erano alcool e barbiturici.

Dopo il successo Marilyn ha sempre odiato essere considerata come una dea. Dopotutto era solamente una ragazza come le altre bisognosa di affetto, con un matrimonio fallito alle spalle e un desiderio ossessivo, disperato e quasi matto, di voler diventare madre. Infatti il motivo della sua isteria era proprio questo: l’istinto soppresso di maternità.

Quando il suo stato psichico diventa un assillo tormentoso, è costretta a fare avanti e indietro dalle cliniche. Infatti in questo periodo è circondata da medici, impiegati, agenti, giornalisti e amici che condividono con lei i suoi ultimi due anni di vita.

E sono proprio le visioni e le interpretazioni sulla vita della stella di Hollywood di chi le è stata accanto in quel preciso momento della sua esistenza ad interessare Cauchon.

La realizzazione della miniserie

Uno dei produttori della miniserie su Marilyn ha dichiarato: “Siamo molto emozionati di mostrare sullo schermo questo punto di vista inesplorato, molto intimo sulla vera persona che era Marilyn Monroe, grazie alle ricerche senza precedenti che fornisce il meticoloso libro di Cauchon.”

Infatti lo scrittore fortunatamente ha avuto la possibilità di accedere ad archivi emersi negli ultimi anni con svariate aste e di rintracciare i membri dell’entourage della Monroe prima della sua morte nel 1962.

Ha inoltre intervistato vari fotografi come Bert Stern, George Barris, Douglas Kirkland, Larry Schiller e Bob Willoughby, che hanno parlato della loro relazione con Marilyn.