Meningite fulminante, ancora un altro decesso

meningite fulminante

Meningite fulminante, ancora un altro decesso. Si tratta di una studentessa della Statale di Milano, la stessa università che frequentava l’altra giovane deceduta a luglio

Meningite fulminante, ancora un altro decesso. Si tratta di una studentessa della Statale di Milano, Flavia Roncalli, deceduta all’ospedale Niguarda martedì mattina. La giovane frequentava la facoltà di Chimica, la stessa dove era iscritta l’altra studentessa deceduta a luglio, Alessandra Covezzi, ma i sanitari sono certi che i due casi non siano collegati.

Le rassicurazioni sono dettate dal fatto che i due casi di meningite fulminante sono troppo distanti tra loro per pensare ad un contagio diretto tra le due ragazze. Va precisato, inoltre, che il batterio viene veicolato dal 10% dei giovani tra i 16 e i 25 anni, e che nella maggior parte dei casi la permanenza dello stesso nel corpo non provoca danni.

Purtroppo la presenza del batterio è stata accertata troppo tardi, dal momento che Flavia Roncalli era stata ricoverata per una gastroenterite. Tardiva, poi, è arrivata la diagnosi di sepsi da batterio. Anche in questo caso è stato attivato il protocollo di prevenzione nei confronti delle persone che sono state a contatto con pazienti infetti.

I casi di meningite fulminante che stanno tristemente caratterizzando la cronaca degli ultimi mesi, stanno portando alla luce in maniera preoccupante la questione delle vaccinazioni, e con essa anche la cronica disinformazione della popolazione nei riguardi del protocollo vaccinale.