Modena

L’Esposizione internazionale Canina di Modena torna nel tradizionale appuntamento del 6 gennaio con 1400 esemplari iscritti per circa 180 razze rappresentate

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Modena. La Befana arriva nella città emiliana con una calza ricca di amici a quattro zampe. L’occasione è l’Esposizione internazionale canina di Modena, giunta alla sua 25esima edizione, già  reduce di grandi successi.

La rassegna espositiva è organizzata dal Gruppo Cinofilo Modenese, affiliato all’Ente Nazionale Cinofilia italiana (ENCI), in collaborazione con Monge e ModenaFiere e si terrà quest’anno presso il quartiere fieristico di viale Virgilio.

Un defilè di oltre 180 razze canine si alternerà a due ore di intrattenimento fatto di disc dog (il divertente lancio del frisbee) e di dog dance. Non mancheranno la mobility e la human agility, tutte attività ad alto coinvolgimento dei più piccoli.

Interverranno inoltre gli ex atleti della squadra nazionale di Obedience che per l’occasione mostreranno al pubblico le ottime capacità di comando e di coordinazione dei cani, molto attenti nell’eseguire compiti e giochi.

Quella di Modena si prospetta essere una vera e propria festa istituita non soltanto per esibire l’aspetto esteriore degli amici più fidati dell’uomo, ma soprattutto per esaltarne competenze ed abilità, frutto di una intesa fortissima che da sempre caratterizza cane ed essere umano.

Il più antico e bello legame d’amicizia verrà celebrato da esemplari di ogni tipo: di piccole, medie e grandi dimensioni. Con tanto e con poco pelo. Attenzione particolare sarà riservata a quelli che sono stati definiti gli eroi del terremoto, cani da soccorso impiegati nelle lunghe ed interminabili ore dedicate lavori di ricerca.

Vista la crescita di adesioni rispetto all’anno scorso, Elena Vaccari, responsabile del gruppo cinofilo Enci di Modena non ha esitato a lanciare alcuni consigli rivolti a tutti coloro che accoglieranno all’evento con l’intenzione di accogliere in casa un cane:

«Il fenomeno mediatico incide tantissimo sulla scelta del cane da prendere ed appuntamenti del genere in cui si possono ammirare centinaia e centinaia di razze ci permettono di lanciare anche un messaggio importante, e cioè che non bisogna fermarsi al solo fattore estetico ma guardare il carattere del cane che più si avvicina alle nostre esigenze. Se sappiamo che il cane resterà molto in casa e da solo non ha senso, ad esempio, prendere dei cani ipercinetici perché non riusciremo mai a costruire nulla col cane. Il nostro consiglio è non fermarsi alla prima impressione, ma di approfondire, fare visita a più allevatori e di razze diverse per scegliere nella maniera migliore».

Spazio anche alle azioni solidali con l’istituzione della “Mostra speciale” che ha messo in palio particolari riconoscimenti per specifiche categorie. I trofei provengono non a caso, dalle zone dell’Italia centrale colpite dal sisma e riguarderanno prodotti alimentari del luogo, come ad esempio le lenticchie o i prosciutti di Norcia.

 

[ads2]

Letture Consigliate