Morto Amos Oz, scrittore israeliano tradotto in tutto il mondo



Amos Oz

Amos Oz aveva 79 anni. I suoi libri sono stati tradotti in tutto il mondo. Da sempre impegnato attivamente nel sociale, era anche un critico politico

Tristissima notizia per gli appassionati di letteratura. Amos Oz, uno degli scrittori israeliani più celebri e tradotti in tutto il mondo, è deceduto all’età di 79 anni. Da tempo, lo scrittore era malato di cancro. A ricordarlo, è stata la figlia Fania, tramite un post su Twitter.

Il mio amato padre è spirato a causa di un tumore, poco fa, dopo un rapido deterioramento, nel sonno ed in pace, circondato dalle persone che lo amavano. Rispettate la nostra privacy. Non potrò rispondervi. Grazie a tutti quanti lo hanno amato.” ha scritto.

Amos Oz è da sempre stato impegnato attivamente nelle lotte sociali israeliane. Ha sempre confermato il suo sguardo acceso sul presente, la sua visione di intellettuale sempre in prima linea nella lotta contro le ingiustizie e i conflitti. E aveva puntato il dito sulla politica, diventata, a suo giudizio, una seconda industria dell’entertainment, del divertimento.

Quello che mi colpisce tantissimo dei profughi attualmente in Europa, è la loro sofferenza e la mancanza di speranza. Credo che l’unico modo per risolvere il problema sia quello di affrontarlo a casa loro. Se si fosse fatto qualcosa in passato per risolvere i problemi del terzo mondo non ci troveremo in questa situazione ora.” diceva.

A proposito della deriva americana e di Trump, diceva: “Dovrebbe cercare di trovare una riconciliazione, di lavorare per raggiungere un equilibrio tra i paesi ricchi e quelli meno ricchi. Non ci sono alternative.

Non aveva torto.

Leggi anche