Campionato primavera,Napoli piegato da tre saette del senegalese Balde

campionato
napoli-sampdoria

Campionato primavera girone “A”. Prima sconfitta stagionale per il Napoli, piegato contro il Sampdoria da tre saette di Balde.

project adv

Napoli – Sampdoria. Campionato primavera girone “A”.

Centro sportivo Sant’Antimo (Na) ore 15:30 del 24 settembre 2016.

Napoli  -1-  – Sampdoria -4-  .  Marcatori: 60°Vrioni; 61°, 87° e 93° Balde per la Sampdoria; all’83° Della Corte per il Napoli.

Terna arbitrale: Vito Mastrodonato di Molfetta. Assistenti: Lacalamita e Gregorio di Bari

Napoli: Schaeper; Schiavi (21′ s.t. Migliaccio), Granata, Lasicki, D’Ignazio, Abdallah (20′ s.t. Della Corte), Otranto, Acunzo, Liguori (26′ s.t. Milanese), Negro e Russo. All.: Giampaolo Saurini. A disposizione: Marfella, Riccio, Esposito, Rizzo, Daddio, De Simone, Mattera, Conte e Ritieni.

Sampdoria : Krapikas, Diaby (40′ Oliana), Leverbe, Tissone, Tomic, Tessiore, Cioce, Ejjaki (34′ s.t. Pastor), Ferrazzo; Vrioni (20′ s.t. Testa) e Balde. All.: Francesco Pedone. A disposizione: Piccardo, Gilardi, Romei, Gabbani, Bozzi, Cuomo e Testa.

Ancora estate a Sant’Antimo in questo fine settembre e per il Napoli primavera arriva la prima sconfitta stagionale del Campionato primavera, girone A. Il risultato è roboante per la Sampdoria, ma non rispecchia la mole di gioco che ha sviscerato il Napoli, specialmente nella prima frazione. La Dea bendata ha dato le spalle al Napoli, confermando il vecchio motto:  “ ai goals mancati arrivano quelli subiti!”

napoli
Il goal del n. 22 Della Corte.

Almeno cinque nitide palle goals nel primo tempo per il Napoli. Al 4° Negro ben servito in area blu-cerchiata impegna severamente Krapikas che devia in angolo. Al 10° occasionissima per Diego Acunzo, ottima la sua gara, che a botta sicura e da distanza ravvicinata trova uno scatto felino di Krapickas che gli nega la gioia del goal. Al 15° è sempre l’estremo difensore Doriano a bloccare un colpo di testa del Ganese  Abdallah che il Napoli ha rilevato dal Carpi. Al 36° l’episodio che ha fatto intuire l’andamento finale della gara: Russo dribbla sulla sinistra e mette a centro per Negro che solo, a porta sguarnita e a pochi passi alza clamorosamente sulla traversa. Ancora Napoli al 44° con un instancabile Acunzo che da distanza proibitiva impatta bene di potenza, ma manca di precisione mandando di poco alto.

napoli
E’ mancato solo il goal a Diego Acunzo.

Bisogna aspettare il minuto 37° per vedere l’unica azione pericolosa della Sampdoria. Sulla fascia sinistra si invola Cioce che crea scompiglio in area azzurra, ribatte Schaeper ma la palla al centro dell’area capita sui piedi di Balde murato dalla chiusura di Otranto e Granata, la sfera ribattuta arriva sui piedi di Vrioni che sfiora di poco la marcatura mandando sul fondo.

La ripresa, tutta un’altra gara. Dopo i primi minuti di studio due ripartenze micidiali: al 14° della ripresa Tissone pesca in verticale Vrioni che nonostante la sgroppata non sbaglia il diagonale per il vantaggio degli ospiti; praticamente lo stesso film con Balde che compie una penetrazione ancora più lunga del collega di reparto che consente, al Senegalese nato a Barcellona, di siglare la prima delle sue tre marcature.

napoli
Il protagonista di giornata Balde.

La tensione sale e qualche parola di troppo dell’esperto Igor Lasicki, lascia il Napoli in 10. Corre il minuto 24° e dopo un contrasto a centrocampo il Sig. Mastrodonato  ammonisce prima Ejjaki della Samp e poi entrambi i N. 11 Liguori del Napoli e Vrioni della Sampdoria. Prima di riprendere la gara il direttore si avvicina a Lasicki e gli mostra direttamente il Rosso. Con l’uomo in meno il Napoli dà un’impennata al suo orgoglio e riduce lo svantaggio con il neo-entrato Della Corte che dal limite raccoglie una palla non trattenuta dal portiere Krapikas  e deposita in rete per l’uno a due. La rete accende le speranze del Napoli, ma dopo pochi minuti la spegne definitivamente Balde che prima all’87° e poi al 93° sigla la sua personale tripletta per il quattro a uno finale a favore della Sampdoria che in una settimana colleziona, tra coppa italia e campionato, la terza vittoria consecutiva.

napoli
Il direttore di gara: Vito Mastrodonato di Molfetta.

Questi i provvedimenti disciplinari del Sig. Vito Mastrodonato di Molfetta: ammoniti Ejjaki , Tessitore e Vrioni della Sampdoria; Otranto e Liguori del Napoli. Espelle per proteste reiterate l’esperto Igor Lasicki, che a fine gara riconosce di aver dato uno spazio sbagliato allo sfogo della sua ira. Per le tante interruzioni al quarantacinquesimo concede sei minuti di recupero. Successivamente con il triplice fischio sentenzia: Napoli 1 – Sampdoria 4.

Video del giorno

CONDIVIDI
Articolo precedenteInstore tour 2016 de Il Volo, ritorna la magia del Firmacopie
Prossimo articoloPedone commenta la partita Napoli – Sampdoria

Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: “Scugnizzeria agli Albori di un Successo”​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L’approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. “​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società”​. Tutto questo mi ha portato ad essere un “Cronista del calcio giovanile Campano”​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l’estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto…