Proteggere occhi e schiena dal lavoro al PC

Posizione corretta pc

Il computer è diventato ormai uno strumento indispensabile nella vita quotidiana di ognuno di noi. Tuttavia, l’uso scorretto del PC può creare problemi di salute

project adv

Ecco alcuni pratici consigli da tener presente per conoscere ed evitare i rischi legati all’utilizzo del PC:

1.La posizione del PC deve essere adeguata all’altezza degli occhi. Lo schermo deve essere preferibilmente a una distanza di 50-70 centimetri  rispetto al busto (lunghezza media di un braccio) e leggermente inclinato all’indietro.

2. La posizione del corpo deve essere ben regolata. Si consiglia di posizionarsi su una sedia comoda,con la schiena aderente allo schienale e con le ginocchia allo stesso livello dei fianchi: si eviteranno fastidiose contratture dei muscoli di nuca, spalle e schiena.

Posizione corretta pc3. È consigliabile sistemare la tastiera a una distanza di 10-15 centimetri dal bordo della scrivania e lavorare tenendo i gomiti ad angolo retto, ricordando di non piegare i polsi, al fine di ridurre l’impatto negativo dei movimenti ripetitivi, responsabili di disturbi muscolo-scheletrici a carico di polsi e dita. Inoltre è importante scegliere un mouse adatto alla grandezza della mano.

4. Interrompere il lavoro almeno ogni 2 ore per alzarsi e muoversi un po’. Molto utili sono gli esercizi per rilassare gli occhi (ruotare lo sguardo in alto, in basso, a destra, a sinistra) o per distendere i muscoli di spalle, polsi e schiena (oscillazioni e rotazioni della testa, movimenti delle spalle e dei polsi, allungamenti delle braccia).

5. Regolare correttamente la luminosità dello schermo per prevenire il bruciore agli occhi. Evitare di collocare il PC alle spalle o davanti a una fonte di luce, per non creare abbagli e fastidiosi riflessi.

6. Un calore eccessivo rende gli occhi più secchi e causa problemi alla circolazione sanguigna. Quindi attenzione alla temperatura della stanza in cui si lavora.

7. Stress e tensione possono aggravare i problemi muscolo-scheletrici, soprattutto quando si lavora al computer per molte ore.

In conclusione, l’approccio al lavoro dovrebbe essere quindi il più sereno, organizzato e variato possibile al fine di preservare al meglio la propria salute.

Video del giorno