PD e M5S: la sfida interna parte dal Decreto rilancio

Politica PD e M5S: la sfida interna parte dal Decreto rilancio

Per il PD il Decreto rilancio è un “vero miracolo”. Ormai è sfida interna con il M5S. Gualtieri “nessuno sarà lasciato solo”. Le dichiarazioni

Il ministro dell’economia Roberto Gualtieri, in un’intervista a Repubblica esprime le proprie opinioni sul Decreto rilancio da poco varato e che potrà portare ad una sfida interna tra Pd e M5S. “È evidente che le legittime preoccupazioni di una situazione senza precedenti possano generare anche rabbia. Lo capiamo e per questo il governo è impegnato a sostenere imprese e famiglie, a evitare un aumento delle diseguaglianze, ad aiutare i più deboli“. Roberto Gualtieri, del PD,  si dice fiducioso sul fatto che il decreto appena approvato dal governo giallorosso non lascerà indietro nessuno e rilancerà l’economia.

- Advertisement -

“Ci sono state critiche in merito a come sono state allocate le risorse stanziate, e il ministro risponde che “sono critiche sbagliate. In primo luogo non sono aiuti a pioggia, ma la volontà di non lasciare indietro nessuno in una circostanza così drammatica. È una precisa scelta politica di questo governo, che io rivendico, ma è anche una scelta che ha efficacia economica. E non è vero nemmeno che nel decreto non si guardi allo sviluppo. Assieme alle misure per imprese, famiglie e lavoratori ci sono quelle sulla ricapitalizzazione delle imprese, molto importanti per le piccole e medie aziende, spesso sottocapitalizzate. Ci sono gli investimenti massicci sull’efficienza energetica degli edifici e un impegno senza precedenti sull’Università, con l’assunzione di 4.000 giovani ricercatori e il più consistente stanziamento per la ricerca mai realizzato. Sono investimenti sul futuro importanti, che mostrano eccome un’idea di sviluppo del Paese“.

Sul Mes, Gualtieri ribadisce poi che “costituisce una importante rete di sicurezza, la sua semplice esistenza rappresenta un fattore di stabilità perché è facilmente accessibile e immediatamente a disposizione in una fase in cui tutti i paesi sono chiamati a finanziarsi in modo consistente sui mercati. Un eventuale utilizzo da parte dell’Italia verrà valutato a tempo debito“.

Pd, Zingaretti: “Il decreto rilancio è un miracolo”

- Advertisement -

Il decreto rilancio appena varato dal governo è “un vero miracolo”. Lo dice il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, in un colloquio con La Stampa. “Lo so, c’è chi critica quelle 500 pagine sostenendo che ci sia un po’ di tutto per tutti, che manchino una visione d’insieme dell’Italia che verrà e non ci siano vere e proprie riforme strutturali – spiega -. E’ una maxi-manovra che facciamo in deficit, avrà ricadute sul debito pubblico che dovremo gestire per tutelare il futuro dei nostri figli. Ma le faccio una domanda: nelle condizioni politiche, economiche e sociali in cui ci troviamo, avremmo potuto fare di più e di meglio? Io le dico di no. E aggiungo: trovare la quadra, anche a costo di qualche compromesso, è stato un miracolo. Il massimo possibile, per garantire quello di cui c’è bisogno adesso: un sostegno al reddito delle famiglie e ai ricavi delle imprese“.

Stiamo attraversando un passaggio strettissimo – aggiunge -: se nei prossimi sessanta giorni la macchina dei sussidi non gira come deve, allora la rabbia sociale può esplodere. Questo è il pericolo più grande, per il Paese e per tutti noi, perché se la protesta deflagra poi rischiamo di non controllarla più“.

Sulle tensioni tra gli alleati di Governo, il segretario del Pd risponde affermando che: “capisco chi a volte pretenderebbe che alzassimo la voce e mostrassimo i muscoli. Ma finora i risultati ci danno ragione. Quando è nato questo governo i Cinque Stelle lo volevano ad ogni costo, forti del loro 32%. Io non ero convinto, ma ci sono entrato con il mio 16%, per il bene dell’Italia. Loro pensavano di dettare l’agenda, e di svuotare il Pd in pochi mesi. Ora sta succedendo l’esatto contrario. Il Movimento si sta dividendo, senza afflato unitario, né slanci di condivisione, e sta perdendo consensi. Noi, che invece teniamo una posizione seria e coesa, stiamo risalendo la china, e ormai siamo a un passo dalla Lega. Il Pd sta consolidando il suo ruolo: il partito delle istituzioni, il pilastro sul quale si regge il governo, in una delle fasi più difficili della storia repubblicana.

- Advertisement -

 

- Advertisement -
Angela De Lise
Angela De Lisehttps://zon.it
Scrivere è il mio primo amore. La sensazione di mettere nero su bianco le proprie idee, i propri pensieri non sarà mai paragonabile a nulla. Amo leggere, viaggiare, esplorare. Appassionata del mondo digitale ho conseguito la laurea triennale in Scienze della Comunicazione e la laurea magistrale in Corporate Communication and Media all'Università degli Studi di Salerno.

Covid-19

Italia
795,771
Totale di casi attivi
Updated on 30 November 2020 - 11:40 11:40