Un pieno di abbronzatura ... e non solo

Un pieno di “abbronzatura”… e non solo

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Non a caso si dice “mangiare frutta e verdura di stagione” e non a caso la stagione estiva offre frutta e verdura colorate, con pigmenti rosso-arancio, giallo-viola, quindi piene di carotenoidi.

I carotenoidi sono pigmenti importanti e responsabili delle colorazioni che vanno dal giallo, all’arancione, al rosso. Li troviamo sia nei frutti che nei fiori, in numero maggiore nei vegetali ma li troviamo anche in alcune fonti animali come il tuorlo d’uovo o l’aragosta.

Da sempre ritenuti ottimi alleati dell’abbronzatura, i carotenoidi hanno tante altre proprietà. Tra i carotenoidi sono state identificate centinaia di molecole, ma le più importanti sono il β-carotene e il licopene.

Il β-carotene lo troviamo soprattutto nelle carote ma anche nei cereali, negli oli, in alcune verdure come gli spinaci, nella zucca, nelle albicocche, nei peperoni, ecc. Esso stimola la produzione di melanina ed ha una funzione protettiva dagli effetti dannosi dei raggi UV, ma se si esagera il risultato sarà la carotenemia, ovvero l’accumulo di troppo carotene nel sangue responsabile anche di un colorito arancione acceso.

Ma il β-carotene vanta anche importanti proprietà antiossidanti e contrasta l’insorgere dei radicali liberi fungendo da agente foto-protettivo.

Dalla scissione ossidativa del β-carotene, inoltre, si ottiene la vitamina A (tra le cui funzioni c’è quella di essere implicata nel processo della visione, oltre ad essere essenziale per la crescita ed il differenziamento delle cellule); quindi esso è la fonte principale di vitamina A per i vegetariani.

Il licopene ha spiccate proprietà antiossidanti ed è particolarmente utile nel combattere l’invecchiamento, le malattie cardiovascolari e persino alcune forme tumorali. I pomodori sono sicuramente l’alimento principe per contenuto di licopene.

Sono davvero molti gli studi che attribuiscono al licopene un ruolo di primaria importanza per il nostro organismo. Una crescente evidenza suggerisce che il licopene, può essere preventivo contro la formazione e lo sviluppo di diversi tipi di tumori umani tra cui tumore della prostata, della mammella e il cancro ai polmoni. Studi sperimentali hanno dimostrato che il licopene inibisce la crescita di varie cellule tumorali di diversi organi.

La regolare assunzione di licopene diminuisce l’incidenza delle malattie cardiovascolari, diminuendo il rischio di aterosclerosi; in caso di prolungata esposizione ai raggi ultravioletti il licopene esercita un’azione protettiva sulla pelle e sempre grazie alle sue proprietà antiossidanti, il licopene protegge l’organismo da malattie neurologiche quali l’Alzheimer e il morbo di Parkinson.

CURIOSITÀ… LO SAPEVATE CHE CON L’ESPOSIZIONE AL SOLE SI PRODUCE VITAMINA D?

Ebbene sì, con l’esposizione al sole, si produce un’altra vitamina importantissima in quanto interviene nell’assorbimento del calcio, la vitamina D. La produzione di vitamina D non è costante per l’organismo ma varia al variare delle stagioni e infatti essa risulta essere massima durante l’estate e minima o addirittura nulla durante le altre stagioni rischiando di andare in carenza di vitamina D.

Ed è necessario porre attenzione soprattutto per due categorie, i bambini e gli anziani che si espongono meno al sole ma più di altri avrebbero bisogno di questa vitamina: i bambini ne hanno bisogno per la crescita dal momento che la vitamina D è fondamentale per l’assorbimento del calcio; gli anziani perché con l’età tutti i meccanismi di assorbimento e digestione dei nutrienti risultano diminuiti.

[ads2]

Letture Consigliate
Articolo precedentePokémon Go, ragazzino trova cadavere
Prossimo articoloPaura nella notte a Palma Campania, incendio rilascia nube tossica
Avatar
Svolge attività di Biologa Nutrizionista. Consegue l’abilitazione all’esercizio della professione nel 2011 e si iscrivo all'ONB (Ordine Nazionale dei Biologi). Laureata in Biologia (curriculum Nutrizione) nel 2011 presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Si perfeziona in “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” nel 2011. Nel 2015 consegue il titolo di Dottore di Ricerca in Biologia Avanzata presso la stessa università. L'attività di ricerca svolta dal 2009 è oggetto di diverse pubblicazioni scientifiche su riviste internazionali e di diverse comunicazioni a congressi nazionali ed internazionali. Fornisce supporto didattico teorico-pratico durante il Corso di Organo adiposo e Regolazione del peso corporeo e durante il Corso di perfezionamento annuale in: “Educazione alimentare e prevenzione delle malattie dismetaboliche” (Dipartimento delle Scienze Biologiche, Sezione Fisiologia e Igiene dell’Università degli Studi di Napoli "Federico II"), con seminari introduttivi ed esercitazioni pratiche relative alla valutazione dello stato nutrizionale e della massa grassa mediante l'utilizzo dell'antropometria (standardizzazione di peso, altezza, circonferenze), plicometria, impedenziometria. Arricchisce continuamente la sua formazione con corsi e seminari specifici sulla Nutrizione fisiologica e patologica nelle sue varie forme.