Acqua in bottiglie di plastica significa bottiglie di plastica in acqua



le iene emergenza plastica

Più esageriamo con cose inutili e dannose, tanto più ne risentiremo tra qualche anno, in una sorta di legge del contrappasso a lungo termine

Potremmo chiamarlo “il paradosso dell’acqua“. 8 miliardi di bottiglie di plastica (solo in Italia) vengono consumati ogni anno. Il problema, oltre al fatto che oltre il 90% delle plastiche che usiamo sono vergini, sta nello scarso riciclaggio e recupero della materia. Per non parlare del trasporto. Sì, perché per trovarle sullo scaffale di un supermercato ci vuole anche qualcuno che le trasporti. Più del 70% su gomma. Non il massimo.

Vari industriali delle acque minerali hanno iniziato a borbottare, affermando come il loro sia un settore ecosostenibile e quanto una tassa sugli imballaggi di plastica sia dannosa per il sistema economico e per il consumatore. Infatti una manovra finanziaria che partirà nel 2020 tasserà gli imballaggi in plastica (1 euro/kg di plastica), imboccando la strada giusta per eliminare anche i prodotti in plastica monouso. Il problema della plastica va ben oltre l’uso nel settore dell’acqua, ma da qualche parte bisognerà pur cominciare. Bisogna tuttavia anche distinguere le plastiche: la plastica monouso dovrebbe, anzitutto, essere tassata in maniera diversa da quella comune e riciclabile.

Come contribuire all’ecosostenibilità?

L’Italia è seconda nella classifica mondiale di chi consuma più acqua in bottiglia (208 litri annui a persona), quando nel nostro paese almeno il 95% ha accesso all’acqua potabile della rete acquedottistica, un’acqua di ottima qualità che tra l’altro arriva a casa ad un costo molto più basso rispetto a quello delle acque minerali. Quindi come evitare la plastica?

Molto banalmente, usare borracce è una cosa che potremmo fare tutti, e anche solo questo influenzerebbe enormemente il consumo e l’acquisto di bottiglie d’acqua. Sono molti e molto semplici i metodi per abbattere stili di vita inadatti alla situazione che ci circonda. Basta un pizzico di consapevolezza.

Leggi anche