14 Novembre 2017 - 00:39

Playoff mondiale, lo 0-0 non basta all’Italia per qualificarsi per Russia 18

Italia

A San Siro l’Italia non va oltre lo 0-0, risultato che non basta per recuperare lo svantaggio ottenuto nella partita d’andata

Non è bastato tanto cuore e un buon gioco all’Italia per riuscire a conquistare la qualificazione ai prossimi mondiali.

Il match di San Siro si conclude sullo 0-0, regalando così la qualificazione alla Svezia, che non ne otteneva una da ben 8 anni.

Analisi della partita

La partita si indirizza sin da subito con un unico senso di marcia. L’Italia si dimostra superiore dal primo minuto, ma riuscire a sfondare il muro giallo svedese è veramente difficile.

La squadra di Andersson si è presentata a Milano per difendere il risultato dell’andata, chiudendosi così in difesa.

Gli azzurri hanno attaccato fino all’ultimo secondo cercando di raggiungere il gol che avrebbe pareggiato il gol di svantaggio. Il match come all’andata è stato molto fisico, con scontri molto accesi. Nel match mancano 4 rigori, 2 per parte, non concessi dall’arbitro spagnolo Lahoz.

Il match si conclude sullo 0-0, regalando così la qualificazione alla Svezia, che non ne otteneva una da ben 8 anni, l’Italia invece non ne mancava una da ben 60 anni.

Il futuro di Ventura

Dopo la mancata qualificazione dell’Italia per prossimi mondiali Russia 2018, tutti si domandano quale sia il futuro del CT della nazionale.

Da pochi mesi Giampiero Ventura aveva rinnovato il suo contratto come CT, che lo legava fino al 2020 alla nazionale italiana. Nel contratto però era stata stabilita una clausola, che con la mancata convocazione ai mondiali, avrebbe sciolto Mister Ventura dalla panchina dell’Italia.

Il presidente della FIGC ha dichiarato 24/48 ore di silenzio stampa per ragionare sulle possibili decisioni per la panchina della nazionale.

E ora?

L’assenza dell’Italia al prossimo mondiale si può definire una vera e propria “catastrofe“, che sanziona così la fine di un ciclo disastroso. Ad annunciare il ritiro dalla nazionale sono gli unici 3 campioni del mondo 2006 rimasti, Buffon, Barzagli e De rossi, amareggiati per come sia finita la loro avventura azzurra.

Nel post partita i senatori hanno parlato ai microfoni di “Rai Sport“, Buffon, Barzagli e De Rossi, tutti e tre in lacrime, hanno dichiarato:” Difficile chiudere così la carriera in Nazionale“; oltre a loro tre ai microfoni di “Rai Sport” si è presentato Chiellini, anche lui senatore della nazionale che difende da più do 10 anni, alla domanda:” la nazionale ripartirà ancora da Giorgio Chiellini“, lui risponde:” non lo so“.

Ora, come consigliato dai senatori, bisogna ripartire dai giovani e creare un gruppo forte e solido, che possa tornare ai massimi livelli.