Juventus
Foto: Facebook Juventus

Una brutta serata di Champions League per Pirlo. La Juventus crea poco e approccia male il match: Chiesa tiene a galla i bianconeri

Porto-Juventus fotografa la partita più brutta della stagione dei bianconeri, privi di idee e inventiva. Male la mediana di centrocampo, che sente l’assenza di Arthur. Rimandato Kulusevski, male nel supportare Cristiano Ronaldo. Tutto da rifare a Torino per cercare di conquistare i quarti di Champions League.

La partita

Inizio da horror per la Juventus, che perde subito un pallone in impostazione con Bentancur, che regala la rete del vantaggio a Taremi, bravo ad anticipare Szczesny. I bianconeri non riescono a trovare l’uomo tra le linee compatte degli avversari. Il Porto gioca in 20 metri e con un ottimo pressing a costringe i centrocampisti della Vecchia Signora a ripiegare. La Juventus perde anche Chiellini per infortunio, Demiral al suo posto.

Senza Arthur nessun centrocampista garantisce un possesso del pallone pulito e i cambi gioco sugli esterni arrivano in costante ritardo. Tantissimi gli errori tecnici degli ospiti, che creano l’unica palla gol solo nel finale con una mezza girata di Rabiot. Pronti-via e il secondo tempo parte nella stessa maniera, con la Juventus disattenta e il Porto che la punisce: bravo Marega ad anticipare Demiral e beffare Szczesny sul primo palo.

Madama subisce il colpo e continua a soffrire, rischiando anche di subire il terzo gol, dopo una discesa di Oliveira culminata con un tiro centrale. Pirlo chiama Morata dalla panchina e con il suo inserimento la musica cambia. Molta più profondità e pericolosità. All’82’ Chiesa riapre la partita e le speranze di passaggio del turno, con un destro di prima su traversone di Rabiot. Nel finale la Juventus alza il ritmo e prova a pareggiarla. Il direttore di gara non concede un calcio di rigore solare su Cristiano Ronaldo nell’ultima azione del match.

Note: La Juventus perde Danilo, ammonito e diffidato.

Porto Juve 2-1: risultato e tabellino

Reti: 1′ Taremi, 46′ Marega, 82′ Chiesa

Porto (4-4-2): Marchesin; Manafa, Mbemba, Pepe, Zaidu; Corona (90′ F. Conceiçao), Uribe, Sergio Oliveira (90′ Loum), Otavio (57′ Luis Diaz); Marega (66′ Grujić), Taremi. All. Conceiçao. A disp. Diogo Costa, Barò, Joao Mario, Felipe Anderson, Toni Martinez, Evanilson, Nanu, Sarr.

Juventus (4-4-2): Szczesny; Danilo, De Ligt, Chiellini (35′ Demiral), Alex Sandro; Chiesa, Bentancur, Rabiot, McKennie (63′ Morata); Kulusevski (77′ Ramsey), Ronaldo. All. Pirlo. A disp. Pinsoglio, Buffon, Dybala, Bonucci, Bernardeschi, Di Pardo, Frabotta, Fagioli

Arbitro: Carlos del Cerro Grande (ESP)

Ammoniti: 63′ De Ligt, 81′ Danilo, 87′ Demiral, 90+2′ Alex Sandro