“Rage Room”: a Torino la stanza dove sfogare la rabbia



rage room

“Rage Room” è il nome del progetto ideato da Alessandro Cutellè. Si tratta di una stanza in cui è possibile sfogare la rabbia avendo a disposizione oggetti da spaccare. Ecco come funziona

Rage Room“, tradotto dall’inglese significa “stanza della rabbia” e fa riferimento alla trovata insolita di poter dare sfogo alla propria ira attraverso la distruzione di oggetti contenuti in una stanza. L’idea è venuta ad Alessandro Cutellè, 26enne e studente di Economia, nonchè titolare della società che avviato l’attività.

La “Rage Room” si basa su un modello già in voga negli Stati Uniti che consiste nel rinchiudersi all’interno di una stanza con l’intento di spaccare tutto. Così facendo si crea un effetto distensivo dei nervi che abbatte stress e frustrazione che crea una sensazione poi di liberazione.

Sita in via Principe Tommaso a Torino, è possibile prenotare una seduta direttamente dal sito internet creato apposta per fornire info e prenotazioni. Esistono diversi pacchetti riservati ai clienti organizzati a seconda del livello di rabbia cumulato e suddivisi anche per fasce di prezzo.

«Sì, ma fattela una risata» è l’offerta base: nella stanza gli organizzatori dispongono venti oggetti piccoli e un elettrodomestico per ogni partecipante. Si paga 26 euro.
Per chi ha un maggior bisogno di distendersi, ecco il pacchetto «Sì, ma rilassati», con la possibilità di spaccare 25 piccoli oggetti e uno di media grandezza.
Esiste inoltre la possibilità di registrare l’esperienza all’interno della “Rage Room” così da rivederla a casa e non solo, la stanza della rabbia offre inoltre l’opportunità di placare la propria ira anche in coppia. Per i più collerosi è previsto poi il pacchetto «élite» che mette a disposizione trenta piccoli oggetti, due medi e due elettrodomestici.
La “Rage Room”  è aperta dal giovedì al sabato con orario 17-23. Durante la sessione di distruzione, c’è anche la possibilità di scegliere la playlist da mettere in sottofondo. Il divertimento è assicurato.

Leggi anche