Reddito di cittadinanza e quota 100, Mattarella firma ufficialmente il decreto



Decretone

Il decreto contenente reddito di cittadinanza e quota 100 è stato ufficialmente emanato. E Luigi Di Maio accoglie l’esito della trattativa con soddisfazione

Finalmente, il decreto tanto atteso è stato firmato. Reddito di cittadinanza e la famigerata quota 100 sono ufficiali. Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha approvato ufficialmente il cosiddetto “decretone”. La firma è stata accolta con entusiasmo dal vicepremier Luigi Di Maio.

Su Facebook, infatti, il ministro ha commentato l’esito seccamente: “Bentornato Stato Sociale! Ora aspetto il momento in cui, grazie al lavoro di deputati e senatori, firmerà la legge con cui taglieremo lo stipendio di tutti i parlamentari e finalmente potremo dire addio privilegi! Il 2019 sarà un grande anno!

Oltre a reddito di cittadinanza e quota 100, sono in ballo anche i tagli delle pensioni degli ex sindacalisti. La proposta sarà inserita nel decreto. Di Maio ha anche auspicato che il nuovo segretario della CGIL, Maurizio Landini, sostenga l’operazione.

Spero che voglia sostenere l’emendamento al decretone che finalmente affronterà il tema di tagliare la pensione degli ex sindacalisti.” ha dichiarato.

Leggi anche