Boris Johnson Coronavirus
Immagine da YouTube

Il Primo Ministro inglese, Boris Johnson, lascia trapelare le prime notizie sulla strategia per portare il Regno Unito fuori dal lockdown

Da Downing Street arrivano i primi segnali di un tentativo di uscita del Regno Unito dal lockdown. Dal prossimo 8 marzo verranno innanzitutto riaperte le scuole, ma solo alla fine del prossimo mese, il 29 marzo, se il livello di contagi lo permetterà e il successo della campagna vaccinale di massa sarà evidente, si potranno intravedere i primi segnali di riapertura.

Al momento al di là della Manica, è possibile incontrarsi per un caffè o una birra insieme in luogo pubblico solo in 2. Da fine marzo, si pensa che questa possibilità sarà estesa ad un gruppo di 6 persone appartenenti però ad un massimo di due gruppi familiari. Inoltre verranno consentite di nuovo attività sportive all’aperto, come tennis e golf.

Il Regno Unito sembra riversare molta cautela nella strategia di uscita del paese dalla pandemia. Al momento le misure messe in campo per arginare i contagi non sembrano nemmeno lontanamente somigliare a quelle adottate in Italia per livello di severità, nonostante già 18 milioni di dosi di vaccino siano state già somministrate, seguendo una campagna di vaccinazione di massa.

Inoltre con la campagna vaccinale inglese si intende, secondo Boris Johnson, somministrare entro fine luglio 2021 la prima dose a tutta la popolazione.

Nel frattempo il prossimo 8 marzo bambini e studenti inglesi ritorneranno tra i banchi di scuola e a svolgere attività sportiva negli spazi aperti adiacenti all’Istituto.

Articolo precedenteMarquez, la Honda e la spalla: “Tornerò quanto prima”
Prossimo articoloDraghi: ecco la nomina dei sottosegretari del nuovo Governo
Gaudieri Brunella
Ho studiato il tedesco, l´inglese e ho qualche infarinatura di svedese ed arabo. Dopo la laurea triennale in Traduzione e Interpretariato a Napoli mi sono trasferita a Gorizia, poi Trieste, Udine, Klagenfurt am Wörthersee e Vienna. In questi posti ho fatto bellissime esperienze di lavoro, tra cui la traduttrice presso l´ORF. Ho conseguito la laurea specialistica a doppio diploma italo-austriaco in Lingue e letterature straniere ed euroamericane ed ho vissuto tanto tempo lontana dalla mia "comfort zone". Ho incontrato tantissime persone e mi sono avvicinata incuriosita alle loro culture. Mi piace la lettura, il mondo dell´informazione, l´arte e parlo molto bene il tedesco. Sono attenta alle problematiche sociali e sensibile alla tutela degli animali randagi.