23 Novembre 2022 - 10:44

Ronaldo esce di scena. Quale sarà il suo nuovo palco?

Finisce l'esperienza con i Red Devils per Cristiano Ronaldo. Il portoghese ha rescisso e deve ora trovare una nuova squadra. Ma quale?

Manchester United

La possibilità che questo accadesse era nell’aria: Cristiano Ronaldo non è più un calciatore del Manchester United. Il portoghese ha rescisso consensualmente il contratto che lo legava ai Red Devils per la seconda esperienza in terra inglese. Il ritorno a Manchester, infatti, non è andato come sperato e dopo piccoli screzi e le ultime forti dichiarazioni di Ronaldo il divorzio è arrivato puntuale.

Ora Cristiano Ronaldo è senza squadra, dunque, ma anche senza mercato. Trovare un nuovo palco da calcare non sarà facile per il portoghese. Sembra paradossale che un campione come lui possa faticare ad accasarsi in un nuovo club, eppure à la realtà. Lo scoglio principale che ostacola il cammino di Ronaldo è sicuramente l’ingaggio ancora superiore ai 20 milioni di euro l’anno. Pochissime squadre hanno un potere economico tale da consentire loro l’acquisto del cartellino di CR7. Escluse le italiane, infatti, restano le inglesi Chelsea e Newcastle, i tedeschi del Bayern Monaco e i francesi del Psg. Non è da escludere, peraltro, un futuro in Mls all’Inter Miami di Beckham.

La Premier League è il campionato più ricco ed è qui che Ronaldo potrebbe accasarsi più facilmente. Il nuovo proprietario del Chelsea Todd Boehly ci ha già provato in estate ad acquistare il portoghese e ora potrebbe fare un secondo tentativo, visto anche che Tuchel, il quale inizialmente si era opposto, è stato esonerato. Attenzione però anche ad un’altra compagine inglese, ossia il Newcastle, di cui è presidente il principe dell’Arabia Saudita Mohammad Bin Salman che ha fondi praticamente illimitati.

Volando in Francia, il Psg potrebbe pensare di regalarsi una coppia galattica per sei mesi: Messi Cristiano Ronaldo. Senza dimenticare poi Mbappè e Neymar. L’idea non sembra solo campata in aria e se dovesse concretizzarsi davvero sarebbe sicuramente poetico vedere fianco a fianco, con la stessa divisa, i due eterni rivali del calcio dell’era moderna. Un po’ come se Pelè e Maradona si fossero ritrovati a fine carriera a giocare per la stessa squadra.

Continuano le voci anche sul Bayern Monaco, ma per approdare ai bavaresi il portoghese dovrebbe ridursi di parecchio l’ingaggio. Difficile anche la strada che conduce alla Mls. Ronaldo, infatti, vuole dimostrare di essere ancora competitivo in Europa.

Per ora il campione ha un Mondiale da giocare. Tutto il resto si vedrà alla fine del Mondiale in Qatar.