sanremo 2021

Domani il protocollo Rai arriverà sul tavolo del Cts: Viale Mazzini si arrende ad un Sanremo 2021 senza pubblico

Si è tenuta quest’oggi l’ultima riunione tra i vertici Rai e la direzione artistica del Festival di Sanremo volta alla stesura di un protocollo per lo svolgimento in sicurezza della prossima edizione della kermesse canora: domani le misure arriveranno sul tavolo del Comitato Tecnico Scientifico che si esprimerà sulla possibilità o meno di dare al Festival di Sanremo 2021 il semaforo verde per svolgersi nelle date attualmente schedulate, dal 2 al 6 Marzo prossimo.

Potrebbe interessarti:

Nel protocollo, la Rai si arrende definitivamente alla necessità di fare un Festival a porte chiuse: niente pubblico all’Ariston dunque, mentre vengono cancellate tutte le manifestazioni collaterali alla kermesse (e che negli anni scorsi hanno riversato in città una quantità di gente impensabile in epoca di distanziamento sociale). Anche i programmi Rai, infine, che negli anni scorsi nella settimana del Festival si sono trasferiti a Sanremo, quest’anno dovranno accontentarsi di seguire la kermesse “a distanza”, in onda cioè dai loro studi d’ordinanza.

In tal modo, si legge nella nota di Viale Mazzini diffusa a margine del protocollo per Sanremo 2021: “la Rai intende produrre il massimo sforzo per realizzare un Festival in sicurezza e portare lo show ai suoi telespettatori nel rispetto del mondo della musica e della storia del Festival”.

La decisione finale, come detto spetta al Cts che si pronuncerà domani. Una linea è però già trapelata questa mattina da Fabio Ciliano (segretario Cts) che a Rai Radio1 questa mattina ha detto: “Non penso che il Festival di Sanremo 2021 slitterà. Si tratta semplicemente di analizzare con precisione quelle che sono le attività del Festival all’interno del teatro Ariston e all’esterno perché ci sono decine di migliaia di persone che raggiungono Sanremo dalla provincia di Imperia durante le giornate del Festival“.

Letture Consigliate