saviano

Tiene banco in Italia la questione politica e immigrazione. Queste le 6 domande che avrei posto a Roberto Saviano durante il suo monologo su La7

di Danilo Iammancino

Potrebbe interessarti:

È andata in onda su La7 l’ultima puntata di diMartedì condotto da Giovanni Floris. Tra gli ospiti Roberto Saviano, Graziano Delrio, Mario Giordano, Carlo Cottarelli e Ilaria D’Amico. Politica e immigrazione i temi caldi. Uno dei momenti salienti è stato il monologo di Roberto Saviano.

A Saviano che ama i monologhi per enfatizzare la sua eccellente retorica avrei chiesto:

1) come mai qualsiasi imbarcazione/Ong segue inspiegabilmente le stesse rotte mappate dai satelliti?;

2) come mai così tanta ricchezza culturale arricchisce solo i porti italiani e non quelli maltesi o spagnoli o francesi?;

3) come mai nel suo monologo evidenzia il fatto che 200 mila giovani italiani del sud emigrano per cercare una migliore condizione di vita? Perché dobbiamo disfarci di così tanta ricchezza culturale nelle nostre terre? Perché non viene contabilizzata questa perdita?;

4) come mai lo Stato italiano risulta essere così vecchio tale da avere un calo di nascite così forte?

5) dove finiscono e come vengono contabilizzati i 5 miliardi di euro dell’Ue per l’emergenza immigrati che, come dice, non vengono messi a debito?;

6) perché ci sta una Ong sequestrata e la magistratura ha avviato indagini in merito?

Il monologo e quelle domande senza risposta.

Letture Consigliate