aniello
Sant Aniello

Dal 12 al 17 febbraio prossimo, anche la SC Sant’Aniello gareggerà nella dodicesima edizione del Torneo Internazionale di Gallipoli

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Unitamente al Napoli, che è la squadra più rappresentativa della Campania, due delle migliori scuole calcio della “Terra Felix”: la SSC Capua e la SC Sant’Aniello si daranno battaglia calcistica alla XII edizione della Coppa Santa Maria di Leuca.

Dopo aver presentato la SSC Capua, in questa sezione ci occuperemo della SC Sant’Aniello.

Questa scuola calcio, in vita da oltre quarant’anni, fu voluta fortemente dall’attuale Presidente Antonio Vitiello e oggi rappresenta un importante punto di riferimento per gli osservatori del calcio giovanile. La sede e il campo da gioco del Sant’Aniello, sono ubicati a Gragnano, in provincia di Napoli. Proprio perché questa città è rinomata nel mondo per la sua pasta, già da qualche anno il Presidente Vitiello, ha ideato un torneo denominato “Città della Pasta”, dove partecipano tutte le scuole calcio dei territori limitrofi.

aniello
Mister Antonio Gallo Sant’ Aniello.

La XII edizione del Torneo di Gallipoli, rappresenta la seconda esperienza per la SC Sant’Aniello, che verrà guidata dal tecnico Antonio Gallo. Nella scorsa edizione del 2014, l’Allenatore Gallo fu insignito con il premio alla carriera. A lui abbiamo chiesto cosa rappresenta questo Torneo ormai famoso in tutto il mondo.

A. Gallo: “Per noi ogni gara è un’esperienza nuova contro un’altra scuola calcio, figuriamoci adesso che andremo a confrontarci con i professionisti al Torneo Internazionale di Gallipoli. Questo ci servirà per capire la nostra dimensione. L’anno scorso abbiamo affrontato l’Inter e, pur non superando il turno, abbiamo ottenuto un buon piazzamento. Gli organizzatori di questa manifestazione anche quest’anno si sono dimostrati all’altezza coinvolgendo i migliori clubs del calcio italiano e internazionale. Il nostro compito con la SC Sant’Aniello è quello di fare una vetrina con i nostri ragazzi. Tengo a precisare che l’organico della nostra scuola sarà alla base con i 2002, ma ci saranno tantissimi 2003 che ho voluto giustamente premiare per fargli acquisire un’esperienza importante”.

[ads1]

aniello
A. Gallo premio alla carriera al Gallipoli del 2014.

E, sotto questo profilo, certamente non sarà facile, perché nel suo girone, quello “E”, il Sant’Aniello dovrà vedersela con l’Uzghorod, forte squadra dell’Ucraina, con il Torino e con l’Udinese che rappresentano il meglio dei settori giovanili italiani.

Gragnano e Gallipoli connubio che accomuna calcio e bellezza del territorio come espresso anche dal saluto di Vito Tisci, il Presidente del Settore Giovanile e Scolastico della FIGC, agli organizzatori della XII edizione che assegnerà il “Trofeo Caroli Hotels”:

“Agli organizzatori va il mio plauso, per la capacità con la quale hanno saputo consolidare, nel tempo, un’esperienza che unisce l’aspetto tecnico e ludico a quello della promozione di un territorio così ricco di bellezze naturali qual è il Salento”.

[ads2]

Letture Consigliate
Articolo precedenteVino EXPO: secondo voi, si può educare un bambino al vino?
Prossimo articoloDecaduto De Luca da Sindaco di Salerno: questa è la sentenza
Avatar
Pasquale D’Aniello, giornalista, nato a Sant’Antonio Abate in provincia di Napoli. Da sempre appassionato di calcio con alcune esperienze dilettantistiche sul campo e sulla panchina. Autore nel 2012 del Libro: "Scugnizzeria agli Albori di un Successo"​ e premiato a Gallipoli nel 2015 (Torneo Internazionale che assegna il Trofeo Caroli Hotels), quale miglior giornalista del calcio giovanile. L'approccio con il calcio giovanile dilettantistico e professionistico da qualche decennio, ha fatto maturare in me nuove convinzioni ed intravedere nuovi orizzonti. "​ Il calcio è educazione, è economia, è uno dei modi di essere società"​. Tutto questo mi ha portato ad essere un "Cronista del calcio giovanile Campano"​, con il fine ultimo di far comprendere che questo Sport deve essere una sana sfida per misurare l'estro calcistico e nulla ha, che possa riguardare il fanatismo e qualsiasi altra devianza che provoca rancore anche a pochi metri di distanza tra i vari campi di calcio. La fortuna poi, di incontrare tantissimi professionisti legati a questo mondo, ha fatto il resto...