sicurezza

I dati sulla sicurezza stradale parlano chiaro: in Italia un’auto su cinque ha pneumatici non conformi alla legge. Polizia stradale e Assogomma lanciano l’allarme

[ads1]

Potrebbe interessarti:

In seguito a circa 12mila controlli effettuati tra il 15 maggio e il 20 giugno nelle regioni di Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Toscana e Sicilia, sono stati raccolti dati preoccupanti riguardo la sicurezza stradale.

In Italia, aumentano sempre di più i mezzi che viaggiano con pneumatici non conformi alla legge: ad oggi le percentuali si attestano al 20,3% delle vetture (una su cinque) e al 32,4% dei furgoni (uno su tre).

A lanciare l’allarme sono la Polizia stradale e Assogomma, impegnate nel progetto “Vacanze sicure“, che sottolineano l’importanza di effettuare interventi periodici di manutenzione sui propri mezzi di trasporto.

Come affermato dal direttore di Assogomma, Fabio Bertolotti: “Pneumatici danneggiati e temperature alte sono senz’altro un mix pericolosissimo. […] C’è una mancanza cronica di manutenzione che, per viaggiare sicuri, dovrebbe invece aumentare al crescere dell’età delle vetture. Infatti, il campione racconta che dopo i 10 anni di vita la manutenzione crolla in modo verticale, questo significa che per queste vetture non si investe più un soldo e fino a che va, va.

Anche il direttore della Polizia stradale, Giuseppe Bisogno, ha voluto evidenziare l’importanza di un corretto equipaggiamento dei veicoli come condizione primaria per affrontare qualunque tipo di viaggio in sicurezza. “Il 2015 per la prima volta in 15 anni – afferma Bisogno – registra il segno “più” dei morti in incidenti stradali. E stando ai dati provvisori di Polizia e Carabinieri sul 2016 non ci sono cambiamenti di rilievo“.

Oltre a controlli e contravvenzioni, dunque, sta alla coscienza e alla consapevolezza degli utenti adoperarsi per ridurre al minimo i rischi di incidenti sulle strade. [ads2]

Letture Consigliate