Siviglia-Lazio 2-0: i biancocelesti eliminati dall’Europa League

siviglia-lazio
Foto: Instagram Sevilla FC

Sedicesimi di Europa League: Siviglia-Lazio termina 2-0; gli spagnoli passano il turno, grazie anche all’1-0 ottenuto allo Stadio Olimpico; due espulsi

Si chiude ai Sedicesimi di finale l’avventura della Lazio in Europa League. I ragazzi di Simone Inzaghi, dopo l’1-0 all’Olimpico, cadono anche al ritorno contro il Siviglia di Pablo Machin. Decidono le reti di Ben Yedder (in gol anche all’andata) e Sarabia. Espulsi Vazquez e Marusic.

La cronaca

Inzaghi per l’operazione rimonta si affida al tandem Immobile-Caicedo e sul ritorno di Milinkovic-Savic dopo l’infortunio. Dall’altra parte, Machin sceglie l’ex-milanista André Silva con Ben Yedder e l’italiano Vazquez alle loro spalle.

L’inizio del match non vede grandi occasioni da gol. Al 19′, un gran punizione di Danilo Cataldi si perde di poco alta sopra la traversa. Un giro di lancetta e il Siviglia passa: inizia l’azione Ben Yedder che supera diversi avversari, serve Sarabia che calcia in porta, Strakosha respinge corto e l’attaccante francese è lesto a depositare in porta l’1-0.

Così come all’andata, la Lazio è costretta a rincorrere e questa volta a dover cercare due gol per passare il turno. La reazione è affidata a Ciro Immobile che salta due avversari, entra in area ma il suo destro termina a lato alla sinistra di Vaclik. Nel finale di primo tempo, i ragazzi di Inzaghi provano a chiudere il Siviglia nella propria metà campo ma senza successo.

Nella ripresa, il tecnico biancoceleste sceglie Correa per Patric per provare l’impresa. In due minuti, entrambe le squadre rischiano l’autogol: prima è Radu a deviare un tiro di André Silva e per poco non beffa Strakosha. Dall’altra parte Kjaer, nel tentativo di anticipo su Immobile, manda di poco a lato rispetto alla porta di Vaclik.

Proprio il numero 1 degli andalusi è decisivo al 55′ su Acerbi: lancio di Milinkovic per il difensore che tutto solo in area di rigore, calcia al volo e centra in pieno il portiere, con il pallone che termina soltanto in area di rigore. Poi Inzaghi inserisce Romulo e l’ex-Genoa è subito determinante: al 59′, supera in velocità Vazquez, costringendolo al fallo: per Taylor è doppio giallo e conseguente espulsione. Lazio con un uomo in più per credere nel miracolo.

Gli ospiti aumentano la pressione e Immobile spreca una clamorosa palla gol: lanciato da Caicedo, si trova tutto solo davanti a Vaclik ma, dopo un rimbalzo, il suo pallonetto si perde alto sopra la traversa. La superiorità numerica dura poco più di 10 minuti: al 70′, Marusic allarga il gomito su Roque Mesa e Taylor estrae il cartellino rosso.

Il Siviglia approfitta della nuova parità per raddoppiare e chiudere il discorso qualificazione: a 12′ dalla fine, Jesus Navas si beve Radu e serve l’assist dentro l’area piccola per Sarabia che (seppur grazie alla deviazione di Acerbi) supera Strakosha e chiude i conti. Gli ultimi minuti di gara regalano gli “olé” del pubblico andaluso per i suoi beniamini.

La Lazio si rammarica per le occasioni sprecate e saluta anticipatamente la competizione europea. Adesso la testa sarà tutta per il campionato e per la Coppa Italia.

Siviglia-Lazio 2-0: il tabellino

SIVIGLIA (3-5-2): Vaclik; Mercado, Kjaer, Sergi Gomez; Jesus Navas, Vazquez, Roque Mesa (82′ Rog), Sarabia, Escudero (6′ Promes); André Silva (63′ Amadou), Ben Yedder.

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Patric (49′ Correa), Acerbi, Radu; Marusic, Cataldi, Badelj (76′ Durmisi), Milinkovic (57′ Romulo), Lulic; Caicedo, Immobile.

Arbitro: Anthony Taylor (Inghilterra)

Marcatori: 20′ Ben Yedder, 78′ Sarabia
Ammoniti: Vazquez (S), Patric, Caicedo, Immobile (L)
Espulsi: al 59′ Vazquez (S) per somma di ammonizioni, al 70′ Marusic (L) per gioco violento.