Spezia-Cagliari
Fonte immagine: Profilo Twitter ufficiale Spezia Calcio

Dopo 90 minuti al cardiopalma, lo Spezia porta a casa tre punti pesantissimi in chiave salvezza e inguaia il Cagliari

Partita cruciale per entrambe le squadre che non possono permettersi di regalare punti ad una diretta contendente per la salvezza. Ciò lo si intravede nel gioco, con le squadre attentissime a non lasciare campo agli avversari. Leggermente meglio lo Spezia che regala sprazzi di quel bel gioco che sembrava perduto dopo la storica vittoria col Milan.

Potrebbe interessarti:

Il Cagliari tiene bene in fase difensiva con Godin che giganteggia nei duelli individuali facendo valere tutta la sua esperienza. L’unica vera occasione è per lo Spezia sul finire di tempo quando Piccoli, servito con una splendida rabona di Farias, entra in area e da buona posizione calcia di poco a lato.

Ad inizio ripresa è ancora Piccoli ad essere l’uomo in più di Italiano: prima andando vicino al gol con un sinistro dal limite e poi trovando la meritatissima gioia personale su assist di Gyasi al 49′. Il Cagliari accusa il colpo e permette allo Spezia di prendere campo e a dettare i tempi di gioco.

Semplici decide, allora, di rivoluzionare la squadra passando ad un 3-4-3 a trazione anteriore con Simeone al posto di uno spento Pavoletti. Ora sono i sardi a prendere campo ed hanno subito un’occasionissima proprio con Simeone. Il cholito però, a porta quasi sguarnita, calcia alle stelle da pochi passi.

La partita adesso è bellissima, le squadre si allungano e può succedere di tutto. Ed infatti nel giro di tre minuti il risultato cambia due volte. Maggiore trova il 2-0 con un destro a volo, che definire fortunato sarebbe un eufemismo, su ottimo assist di Bastoni, passano pochi giri di orologio e il Cagliari accorcia su azione da corner con il primo gol in campionato di Gaston Pereiro.

Il Cagliari, tornato in partita, ora crede almeno al pareggio e ci va vicinissimo con Nandez che, dopo una bellissima azione, si ritrova a tu per tu con Zoet, bravissimo a chiudere lo specchio e salvare il risultato. Dopo quattro intensissimi minuti di recupero, in cui il VAR cancella il gol del pareggio di Joao Pedro per fuorigioco di Simeone, Mariani decreta la fine di una bellissima partita.

Oggi contavano solo i 3 punti ma Italiano, forse, ha ritrovato lo Spezia perduto nella trionfale notte contro Milan. Sette punti di vantaggio, ora, non assicurano la salvezza ma restituiscono un po di serenità all’ambiente. La lotta salvezza è entrata nel vivo e si preannuncia tanto avvincente quanto quella per l’Europa.

Spezia-Cagliari 2-1: risultato e tabellino

Reti: 49′ Piccoli, 80′ Maggiore

Spezia (4-3-3): Zoet; Ferrer, Ismajli, Erlic (81′ Terzi), Marchizza (46′ Bastoni); Maggiore (82′ Acampora), Ricci, Pobega (56′ Sena); Farias, Piccoli (67′ Nzola), Gyasi. All. Italiano A disp: Rafael, Acampora, Agoume, Agudelo, Chabot, Dell’Orco, Terzi, Verde, Vignali.

Cagliari (3-5-2):Cragno; Klavan (81′ Tripaldelli), Godin, Rugani; Nandez, Nainggolan, Duncan (81′ Cerri), Marin, Lykogiannis (70′ Pereira); Pavoletti (70′ Simeone), Joao Pedro. All. Semplici A disp: Aresti, Asamoah, Calabresi, Carboni, Cerri, Deiola, Pereira, Simeone, Tripardelli, Vicario, Walukiewicz, Zappa.

ArbitroMariani di Roma

Ammoniti: 43′ Nainggolan, 47′ Joao Pedro, 72′ Farias

Letture Consigliate