Tommaso Primo racconta la favola di una “Stella” del mare

tommaso primo-stella

Tommaso Primo, cantautore napoletano, racconta la storia di “Stella”, piccola creatura nata su un barcone in mezzo al mare

project adv

Il tema dei migranti è ormai usato da tutti, artisti in primis. Pochi però hanno l’abilità di farlo con sensibilità e maestria nelle parole e nelle sonorità. Tommaso Primo, cantautore originario di Posillipo, appartenente al circuito FullHeads, è uno di questi.

“Stella”, brano contenuto nel suo primo CD “Fate, sirene e samurai” uscito nel 2015 (escludendo l’EP “Posillipo Interno 3” del 2013), è un brano a metà tra la favola a lieto fine, la tragedia e la cruda realtà di un fatto ormai quotidiano. Il racconto di un “Natale” alternativo e di un presepe del terzo millennio dove al posto di una mangiatoia c’è un barcone, invece di bue e asinello c’è il calore offerto da una rete di pescatori, cavallucci e sirene anziché pastori e pecore, onde marine ai noi familiari invece della sabbia di un deserto lontano.tommaso primo-stella

E al posto del Bambinello c’è lei, Stella, figlia di una terra che l’ha ripudiata e che ha costretto la madre incinta a fuggire su di un barcone con tanti altri come lei. Stella nasce proprio su quel barcone, tra le onde increspate del Mediterraneo. La sua nascita è la risposta più potente al dolore e all’ assurdità della guerra.

In questo brano non ci sono i rumori assordanti delle bombe, né i lamenti di un popolo disperato. Ma c’è una ninna nanna “doce comme ‘a panna” e Stella dorme beata “sott’a luna” incosciente di quello che lascia alle spalle e speranzosa del futuro.

Tommaso Primo realizza un brano prezioso, delicato, musicale come solo l’uso del dialetto napoletano sa essere. Un lavoro che lo consacra nel circuito indipendente della musica napoletana.

Di seguito il testo:

Stella

Tu ca si ‘na stella

Nata ‘nmiez’o mare

Cantano ‘e sirene

Cantano pe’ te.

Doce comme ‘a panna

chesta ninna nanna

pe’ te fa’ felice

e po’ “cucù tettè”.

Rit:

Duorme ninna sott’a luna

Fra cavalli e cavallune

fino a quanno ‘a notte e ‘o vino

fanno ammore cu ‘a matina.

Duorme e sonna cose belle

Tre scunciglie pé ‘e pazzielle

‘nu lenzulo ‘e fili ‘e rezza

Te accummoglia cu ‘a priezza.

Video del giorno