Urbino

Urbino sotto shock, ritrovati due cadaveri in un appartamento nel centro storico, nella zona in cui spesso abitano gli studenti universitari. La scoperta è avvenuta poco dopo le 11 di questa mattina

[ads1]

Potrebbe interessarti:

Urbino sotto shock. Questa mattina, in un appartamento situato nella zona del centro storico, scelta, molto spesso, dagli studenti universitari, sono stati ritrovati due cadaveri, ai quali si aggiunge una terza persona esanime ritrovata sempre nella medesima abitazione. Smentendo quanto era trapelato inizialmente, proprio in virtù del fatto che l’appartamento si trova in una delle zone predilette dagli universitari, i corpi non appartengono a degli studenti ma ad un uomo di nazionalità belga e una donna del posto, rispettivamente di 47 e 50 anni. La terza persona coinvolta sarebbe una 76enne, pensionata, che è stata poi trasportata in ospedale.

Secondo la prima valutazione del medico legale, le due persone sarebbero morte entro la mezzanotte della notte scorsa, e la causa del decesso sarebbe da ricondurre alle esalazioni di monossido di carbonio provenienti dalla caldaia situata nell’appartamento. La donna abitava al piano superiore a quello della coppia, nell’abitazione situata in Via delle Stallacce a Urbino, in pieno centro storico. I soccorsi erano stati allertati da alcuni congiunti della pensionata, preoccuparti per il prolungato silenzio dell’anziana. I vigli del fuoco accorsi sul posto hanno poi cercato l’origine della perdita, che li ha portati al piano sottostante e alla terribile scoperta. Sul posto ci sono carabinieri e polizia municipale.

[ads2]

 

Letture Consigliate