Joe Biden Trump Blinken
Immagine da YouTube

La battaglia di Trump subisce un duro colpo. Con 306 voti ipotizzati vs i 232 di Trump, Biden conquista ufficialmente la Casa Bianca

La vittoria di Biden viene ufficializzata dalla California, Stato storicamente democratico. Il processo di scrutinato procede con troppi ostacoli lungo il percorso per l’ormai ex presidente Trump. Quest’ultimo non vuole saperne di rinunciare ai privilegi della carica, ma che a breve si vedrà sottratti. Come annunciato dall’ex Segretario di Stato, Alex Padilla, con 279 voti, Joe Biden avrebbe già di lunga superato la soglia della vittoria. Eppure oggi sembra non bastare. Infatti, ciò che normalmente sarebbe considerato un procedimento di accertamento elettorale alla stregua di una mera formalità, con la battaglia intrapresa da Donald Trump, ogni voto conta per validare le elezioni.

Potrebbe interessarti:

Il Congresso

Attualmente, lo schieramento vede una maggioranza democratica all’interno della Casa Bianca e una fortemente repubblicana al tavolo del Senato. Eppure, molti hanno deciso di prendere le distanze dalla battaglia intrapresa dal magnate americano. Ne è un esempio lo Stato della Pennsylvania. Soltanto poche settimane prima, Donald Trump avrebbe intentato causa, richiesta bocciata nel ricorso in appello e che vede sgretolarsi anche una volta arrivata al Senato. Pat Toomey, senatore repubblicano, fa sapere che sarà pressoché impossibile invalidare i voti degli elettori nello Stato della Pennsylvania, confermando la reticenza del Congresso a seguire la strada intrapresa da Trump.

La California

Che Biden avesse raggiunto il miglior risultato rispetto all’avversario repubblicano era già chiaro da novembre, quando anche negli Stati considerati in “forse” aveva raccolto ottimi risultati. Trump ha cercato invano ed inutilmente di contrattaccare, nel tentativo di invalidarne il risultato. La sconfitta arriva proprio dallo Stato della California, storicamente a tendenza blu, oltre al Colorado, Hawaii e New Jersey, ancora da accertare ufficialmente. Quando i risultati verranno ufficializzati però, e lo saranno molto presto, il vantaggio di Biden salirà a 306 contro i 232 di Trump. Le battaglie dell’ex presidente si sono fino ad ora concentrate principalmente negli Stati dell’Arizona, Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin, con oltre 30 azioni legali rigettate.

Il risultato potrebbe essere invalidato soltanto se entrambe le camere di Congresso votassero a favore, altrimenti, ogni voto raccolto da Biden sarebbe considerato ufficialmente valido. All’interno del Congresso, seppure a maggioranza repubblicana, non ci sarebbero però abbastanza uomini propensi a bloccare un elezione che appare vinta già da un po’ e con un vantaggio indiscutibile.

Letture Consigliate