Venezia 75

Dopo l’apertura del Festival di Venezia con First Man, ieri è stato il turno di Lanthimos e Cuarón. Entrambi apprezzati dalla critica

Altro giorno, altri trionfi al Festival di Venezia. Dopo l’apertura con Damien Chazelle e il suo nuovo First Man, che non ha conquistato del tutto la critica italiana, ieri è stato il turno di Yorgos Lanthimos e Alfonso Cuarón. Sono stati infatti presentati La Favorita e Roma.

Potrebbe interessarti:

Il regista greco, con La Favorita, primo film non sceneggiato dallo stesso, ha conquistato nuovamente la critica, dopo gli elogi al suo Sacrificio Del Cervo Sacro. The Playlist ha descritto il nuovo film come “profondamente e favolosamente divertente“, elogiando le performance delle protagoniste, soprattutto di Olivia Colman, “ogni dannato secondo di questo film straordinariamente meraviglioso“. Film premiato con una sonora A.
Anche IndieWire lo ha premiato con una A-. Variety, poi, lo ha definito come il film più accessibile del regista.
La Favorita ha, attualmente, un 100% su Rotten Tomatoes e un punteggio di 91 su MetaCritic.

Calorosa accoglienza, a Venezia, anche per Roma di Alfonso Cuarón. IndieWire lo definisce il miglior film del regista, dandogli una A. Per Vulture si tratta di un film enorme e tecnicamente stupefacente. Un trionfo anche per The Hollywood Reporter e Variety, che lo ritiene un luminoso dramma neorealista.
Roma ha, attualmente, il 94% su Rotten Tomatoes e un punteggio di 97 su MetaCritic.

Se per Yorgos Lanthimos sembra prevedibile la nomination come miglior regista, miglior film, e miglior protagonista per Olivia Colman ai prossimi Oscar, Roma potrebbe essere nominato per numerosi Oscar tecnici, oltre che ovviamente per miglior regista e miglior film.

Un trionfo per il regista greco e per quello messicano.

Letture Consigliate