Twitter @OfficialSSLazio

In Russia, la squadra di Inzaghi pareggia nel finale con un gol di Caicedo e sale a quota 5 punti nel girone

Una Lazio in piena emergenza e senza Immobile riesce a portare a casa un punto prezioso dalla Russia. Contro lo Zenit San Pietroburgo si mette male nel primo tempo, ma un gol di Caicedo nel finale salva i suoi. Biancocelesti momentaneamente in testa al girone di Europa League.

Potrebbe interessarti:

La partita

Primi minuti di studio da parte delle due formazioni. La Lazio in campo con il 4-4-2, trova in Correa il uomo più pericoloso. L’argentino al 13′ prova un incredibile gol direttamente da corner, ma il pallone finisce sull’esterno della rete. I biancocelesti ci provano di più ma è la squadra di casa a passare in vantaggio al 32′ con Erokhin, sull’assist di testa di Dzyuba.

Nel secondo tempo Inzaghi fa qualche cambio: dentro Cataldi e Pereira al posto di Parolo e Fares. Ma la Lazio non riesce a pungere e a creare situazioni di pericolo con la difesa dello Zenit che tiene bene. Al 59′ entra anche Caicedo: il suo ingresso in campo sarà provvidenziale. All’81’ è infatti suo il gol che regala un punto preziosissimo alla squadra biancoceleste.

Il tabellino di Zenit-Lazio

Marcatori: 32′ Erokhin, 82′ Caicedo

Zenit (4-1-4-1): Kerzhakov; Karavaev, Lovren, Rakitskyi, Douglas Santos; Barrios; Kuzyaev (90′ Wendel), Erokhin (61′ Mostovoy), Ozdoev (90′ Sutormin), Zhirkov (78′ Krugovoi); Dzyuba. All. Semak

Lazio (4-4-2): Reina; Patric, Hoedt, Acerbi, Fares (59′ Pereira); Marusic, Parolo (52′ Cataldi), Milinkovic-Savic, Akpa Akpro; Correa (85′ Luis Felipe), Muriqi (59′ Caicedo). All. Inzaghi

Letture Consigliate