Ultime notizie
Home » Cronaca » Cosenza, le fiamme della rovina umana e socio-culturale
Cosenza, le fiamme della rovina umana e socio-culturale

Cosenza, le fiamme della rovina umana e socio-culturale

Nella notte le fiamme divampavano a Cosenza, in pieno centro storico. Il bilancio è di quelli catastrofici: tre persone hanno perso la vita ed un patrimonio storico-artistico d’eccezionale valore è andato distrutto

Un rovinoso incendio è divampato nella scorsa notte nel centro storico di Cosenza. A pochi passi dalla Cattedrale, le fiamme hanno invaso la Consentia dei Bruzi e distrutto tre vite, quelle di persone che occupavano un appartamento di corso Telesio, epicentro dell’incendio. L’allarme è stato dato dai vicini dopo aver sentito le urla delle vittime.

Cosenza, le fiamme della rovina umana e socio-culturaleLe fiamme hanno divorato anche il vicino Palazzo Compagna, che custodisce la Residenza Ruggi d’Aragona, storico edificio-museo ed antica dimora nobiliare del XVI secolo. Al suo interno era conservato un raro ed unico patrimonio librario di proprietà della famiglia Bilotti – sono andati distrutti la prima stampa del De rerum natura iuxta propria principia, opera del filosofo cosentino Bernardino Telesio, ed altri suoi manoscritti di epoca gotica, un carteggio con Galileo e centinaia di pergamene – oltre all’intero arredo originale: antichi lampadari di Murano, pezzi unici di ebanisteria calabrese e dipinti del Cinquecento, del Seicento e del Settecento.

Immediate le polemiche sui ritardi dei soccorsi e degli interventi di spegnimento ostacolati dalla cronica siccità di questa estate. Ma vi è anche la denuncia di una tragedia annunciata e che si poteva evitare. Infatti due delle vittime da tempo erano note ai servizi sociali e al locale centro di igiene mentale: dopo essere state in cura, venivano monitorate poiché protagoniste di diversi episodi a rischio incendio.

Cosenza, le fiamme della rovina umana e socio-culturaleMa per Roberto, erede Bilotti, non si è preoccupati a sufficienza della loro situazione critica: “Piangiamo tre morti e perdiamo 500 anni di storia. Ma tutto poteva essere evitato. Dovevano essere aiutati e protetti ma sono stati abbandonati al loro destino”.

Ed ora si infrange anche l’utopia della tutela e della valorizzazione di un patrimonio storico d’eccezionale valore, recentemente restaurato ed aperto al pubblico, per danarosi matrimoni ed eventi di nicchia. A partire dallo scorso settembre, infatti, sulla biblioteca e sulla storica residenza Bilotti, si era deciso di investire, anche per rilanciare il centro storico di Cosenza, da tempo condannato al degrado e all’incuria.

Foto tratte dal sito web della Residenza Ruggi D’Aragona

 

 

Scriveteci

commenti scritti.
GUARDA, ASCOLTA .... SCRIVI !!!
Leggi e Commenta le nostre rubriche e rimani aggiornato con un LIKE sulla nostra pagina FB ZON.it

About Rossella Della Vecchia

Rossella Della Vecchia
Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell'Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).

Check Also

seregno

‘Ndrangheta, arrestato sindaco di Seregno per corruzione

Il sindaco di Seregno arrestato per corruzione, favorì alcuni affari della ‘ndrangheta Seregno – Maxi …