7°Arte: #27 Il Dottor Zivago – Poetica guerra russa

zivago

Il Dottor Zivago (Doctor Zhivago) è un film del 1965, diretto da David Lean e tratto dall’omonimo romanzo del 1957, scritto da Boris Pasternak. Il film vinse 5 premi Oscar e risulta essere oggi in Italia il quarto film ad aver ottenuto maggiori incassi

David Lean aveva già messo in mostra la sua bravura nel dirigere lunghe produzioni e lunghe pellicole. Solo cinque anni prima aveva diretto Lawrence d’Arabia, uno dei film maggiormente apprezzati nella storia del cinema.

Lawrence d’Arabia: Dentro un Libro di Storia – LEGGI LA RECENSIONE DI ZON.IT

Anche con Il Dottor Zivago, il regista britannico è autore di un’altra grande opera. Lunga 200’ e vincitrice di 5 premi Oscar. Migliori costumi, miglior fotografia, miglior scenografia e inoltre la miglior sceneggiatura non originale, grazie anche dal romanzo di successo dal quale è stato ispirato il film. Ma tra tutte le vittorie de Il Dottor Zivago, quella per la Miglior Colonna Sonora fu quella che riecheggiò di più.

Maurice Jarre infatti orchestra la musica Il Tema di Lara, una dolcissima composizione che sancisce l’amore tra i due protagonisti all’interno della pellicola e che raggiunse la prima posizione nella Billboard 200.

Il Dottor Zivago, tra la guerra e l’amore

Il film ripercorre la vita di Jurij Andrèevič Živago, aspirante medico ma anche talentuoso poeta. Gli eventi che dettano la sua vita sono ripercorsi dal fratellastro, narratore che fin da subito ripercorre attraverso flashback la storia che poi darà forma al film.

Il generale Evgraf ripercorre la vita intensa e tormentata del defunto fratellastro perché è alla ricerca della figlia ormai perduta, sua nipote.

Un’introduzione praticamente identica a quella già vista in Lawrence d’Arabia. Anche qui, David Lean si farà riconoscere per i dialoghi ben scritti e le scenografie, stavolta dettate dal gelo dell’estremo est.

L’intera pellicola andrà a mostrarci il personaggio Juri Zivago dall’adolescenza, quando perse la mamma. Fino poi a ottenere la licenza come dottore, partecipare alla Prima Guerra Mondiale e soprattutto, alla Rivoluzione Russa.

Nel conflitto civile interno del popolo sovietico si sofferma Il Dottor Zivago, sia nel libro che nella pellicola. Una popolazione in contrasto nelle sue fondamenta e nei suoi ideali. Il proletario contro la borghesia, gli idealisti contro gli ufficiali, i lavoratori contro i politici.

Ingabbiato nel caos della guerra, Il Dottor Zivago vivrà la sua storia d’amore con Lara, musa per le sue poesie. Una storia d’amore in mezzo a tanta guerra e tanta sofferenza.

“Se ci fossimo conosciuti anche solo un giorno prima. Ci saremmo amati per sempre”

La rivoluzione russa nella letteratura e nel cinema

Ciò che affronta Il Dottor Zivago nella pellicola e nel romanzo originale, è comune a quanto accaduto dal creatore di questa storia. Lo scrittore Boris Pasternak infatti dedicò a Olga, la sua amata, la poesia che vediamo scrivere da Zivago a Lara. Lo scrittore e il personaggio da lui inventato infatti condividono la repressione verso la forma artistica.

Pasternak infatti non era ben visto dal partito russo e il suo romanzo uscì inizialmente solo in Italia. Olga, invece, fu due volte rapita, interrogata e torturata al fine di ammettere sotto costrizione che il romanzo scritto dal suo amato fosse anti-sovietico.

Ci vollero anni di lotta ma Il Dottor Zivago uscì finalmente, nella tanto amata Russia, quand’era l’anno 1988.

Ma il mondo aveva già amato la stroria de Il Dottor Zivago. Affascinati dalla musica russa, dalla loro poetica, dalla loro storia. David Lean porta sul grande panorama cinematografico internazionale una storia che ancora oggi commuovere.