Arabia Saudita: dal 2018 stadi aperti alle donne

arabia saudita

In Arabia Saudita a partire dall’anno venturo le donne potranno entrare negli stadi insieme alle loro famiglie

Già lo scorso settembre, in occasione della festa della fondazione dell’Arabia Saudita per celebrare la nascita della Nazione, era stato permesso alle donne di entrare, in via eccezionale, allo stadio di Riad. Le donne erano collocate in uno spazio riservato alle famiglie mentre il resto delle gradinate era rimasto a disposizione dei soli uomini, gli unici che fino a quel momento potevano partecipare all’evento.

Il presidente dell’autorità generale dello sport saudita, che è anche presidente del Comitato Olimico dell’Arabia Saudita, annuncia la notizia: “Cominceremo a ristrutturare i principali stadi a Riad, Damman e Gedda affinché possano ricevere le famiglie a partire dal 2018”.

L’iniziativa arriva subito dopo la nomina della principessa Reema bint Bandar a presidente della federazione saudita per la comunità sportiva. Si tratta di un’ulteriore importante conquista per le donne dopo l’abolizione del divieto di guida che era diventato negli anni il simbolo della repressione e delle restrizioni che le donne subiscono nel paese.

Tutte queste iniziative rientrano nella battaglia condotta dal principe Mohammed bin Salman per modernizzare la società saudita. Infatti, negli ultimi mesi , ha dimostrato di voler portare avanti riforme piuttosto significative in tal senso, che fanno riferimento al piano noto come vision 2030, presentato nell’Aprile 2016.