Asap Rocky detenuto in Svezia, anche Donald Trump si mobilita



trump asap rocky
foto: screen youtube canale GQ

Asap Rocky è detenuto in Svezia da circa 20 giorni, a causa di una rissa scoppiata in strada con alcuni ragazzi. Tra i tanti messaggi per chiedere giustizia per il rapper  di Harlem anche Donald Trump

Asap Rocky, all’anagrafe Rakim Mayers, è stato protagonista diversi giorni fa di una rissa avvenuta in Svezia, precisamente a Stoccolma, con alcuni ragazzi. Il rapper di Harlem, secondo alcune ricostruzioni derivanti dai video postati dallo stesso Mayers, sarebbe stato importunato da questi due ragazzi senza un evidente motivo.

Dai video postati da Asap Rocky si intravede una delle guardie del corpo invitare i ragazzi, in maniera pacata, a smettere di seguirli. Da altri video girati dai passanti, invece, si vede chiaramente la guardia del corpo, insieme al rapper, scaraventare i ragazzi al suolo.

In seguito allo spiacevole episodio, Rocky si è costituito alle forze dell’ordine. La polizia, però, ha convalidato l’arresto del rapper, lo scorso 30 giugno. Venerdì doveva essere scarcerato, ma è stata richiesta una proroga di una settimana per indagare più a fondo sul caso. Per i legali, si tratterebbe di legittima difesa. 

Detenuto ormai da venti giorni, Asap Rocky ha dovuto annullare alcune tappe della propria tournée europea, tra cui anche quella di Milano in programma lo scorso 17 luglio. Sono molti i musicisti che hanno chiesto giustizia per Rocky, tra cui Puff Daddy e Nicky Minaj.

Ad intervenire nella questione anche il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, su invito della coppia West-Kardashian. Secondo quanto riferito da “Associated Press“, infatti, la modella e moglie di Kanye West avrebbe telefonato ad un consigliere di Trump. La richiesta è stata accolta dal Presidente degli USA, che su Twitter scrive di aver avuto contatti con il primo ministro svedese. 

 

Leggi anche