Benevento Cinema e Televisione (BCT): Luciano Ligabue inaugura la seconda edizione del Festival

ligabue benevento cinema e televisione

Il Festival “Benevento Cinema e Televisione” (BCT) parte alla grande: ospite d’onore per l’inaugurazione della seconda edizione Luciano Ligabue

Ieri 4 luglio è stata inaugurata la seconda edizione del Festival “Benevento Cinema e Televisione” (BCT): ospite d’onore Luciano Ligabue.

Questa volta però “Il Liga” non era nelle sue solite vesti da cantate bensì in quelle da regista: qualche mese fa usciva nelle sale italiane la sua ultima pellicola “Made In Italy”, per la quale il Festival BCT ha voluto consegnarli i premi “Miglior regista della stagione” e anche “Miglior film della stagione“.

Benevento Cinema e Televisione

Arrivato verso le 19.30 in piazza Castello per il photocall, Luciano ha abbracciato i fan, fatto qualche foto “al volo” con loro, firmato autografi per poi recarsi all’ interno della Camera di Commercio, dove ha avuto modo di incontrare il sindaco Mastella e la senatrice Sandra Lonardo.

Ma la parte fondamentale del “Liga Day” (così è stata intitolata la prima giornata del festival) è stata l’intervista “sotto le stelle” aperta al pubblico. L’incontro si è tenuto in Piazza Roma; ad intervistare Luciano, il giornalista Alessio Viola noto conduttore di Sky Tg 24.

Benevento Cinema e Televisione

Una lunga intervista, quella di ieri sera, che non solo ha voluto ripercorrere l’ultimo lavoro cinematografico di Ligabue regista, ma ha voluto anche raccontare quella che lui definisce la sua veste preferita, quella di cantautore.

Ecco, a proposito di futuro…
Alla domanda (questa volta da parte del pubblico) “Ci saranno concerti futuri e soprattutto, un altro Campovolo?”  Liga ha risposto:

Campovolo, più in là, si farà! Bisogna solo trovare del tempo.. Per i concerti, quest’anno non ne ho fatti. L’anno prossimo avrò ben diritto a farne!” Ha anche aggiunto che uscirà un altro album al quale, probabilmente, sta già lavorando!

C’è chi gli ha chiesto quali siano i sogni nel cassetto o gli obbiettivi futuri:

Sogni nel cassetto ce ne sono tanti, molti realizzati, alcuno ancora no; ma se c’è un obbiettivo ricorrente nella mia testa da venti anni a questa parte, è quello di sentirmi Leggero” (facendo riferimento ad una delle sue canzoni più famose, la quale nel ritornello dice: “Leggero, nel vestito migliore,
Senza andata né ritorno, senza destinazione.
Leggero, nel vestito migliore,
Nella testa un po’ di sole ed in bocca una canzone).

Benevento Cinema e Televisione

Cosa ha raccontato Luciano a proposito del film “Made In Italy”?

Per molto tempo non ho fatto film perchè non avevo una storia da raccontare. Poi mi son ritrovato questo album (Made in Italy è ispirato all’omonimo concept album uscito nel novembre del 2016.) tra le mani, e mi son detto che forse qualcosa da raccontare ce l’avevo.

Made in Italy è un film che Ligabue definisce “sentimentale”, “una dichiarazione d’amore frustrato verso l’Italia“.

Riko e Sara, interpretati rispettivamente da un’eccezionale Stefano Accorsi e da una sorprendente Kasia Smutniak sono i protagonisti di questo racconto;  Riko lavora in una ditta che insacca salumi. Ha una moglie, Sara, qualche avventura extra coniugale e un figlio ormai cresciuto che cerca l’autonomia dai genitori. Riko è fondamentalmente un uomo onesto, messo a confronto con un presente in cui la precarietà sembra essere diventata la norma.

Riko è il protagonista del film e ancora oggi non lo so se è un mio alter ego; se è la vita che avrei potuto vivere se non avessi avuto la fortuna di trovare un produttore che credesse in me; se è semplicemente una parte di me che vuole dire la sua in un’altra maniera.” ha raccontato durante l’intervista.

E ha continuato dicendo che fare il regista non è una cosa semplice; non si deve pensare che le uniche cosa importanti siano dire “azione” oppure “stop”. Bisogna studiare,come sempre!

Benevento Cinema e Televisione

Un’intervista emozionante, piena di dettagli sulla personalità del cantante/regista; piena di curiosità legate al film. Ligabue emana sempre una forte luce ed un forte calore, riesce a catturare l’attenzione di tutti anche semplicemente raccontando, senza note in sottofondo.
Ciò che di lui si apprezza di più è sicuramente l’umiltà e l’umanità che possiede e trasmette, la passione che non smette mai di accompagnarlo, l’amore per il suo lavoro e , soprattutto, per i suoi fan.

Ha infatti confessato:

Mi piace fare il regista. Ma vuoi mettere quando migliaia di persone ti cantano in faccia le tue canzoni? Non c’è paragone!