Berlusconi passa al contrattacco



Berlusconi

Berlusconi passa al contrattacco e per la prima volta dall’inizio della vicenda Ruby denuncia una delle famigerate Olgettine. Estorsione continuata è l’accusa ai danni della donna, che avrebbe tentato di ottenere dall’ex Cavaliere fino a un milione di euro

Berlusconi passa al contrattacco. Il Cavaliere sente vicina la resa dei conti, evidentemente, e le sue ultime dichiarazioni pubbliche mostrano tutta la tenacia di un uomo che non vuole andarsene in punta di piedi. Ultima, in ordine di tempo, è la clamorosa denuncia per estorsione che ha presentato contro una delle famigerate “Olgettine“, le ragazze del suo harem che devono questo soprannome alla strada di Milano dove il Cavaliere le aveva collocate, tutte insieme, in vari appartamenti, per averle sempre a disposizione comodamente.

La donna contro cui Berlusconi avrebbe sporto denuncia è Giovanna Rigato, 35 anni, accusata dalla Procura di Milano di tentata estorsione ai danni dell’ex Cavaliere. Secondo quanto si apprende nella denuncia la Rigato avrebbe continuato ad estorcere denaro a Berlusconi fino a un milione di euro, allo scopo di non rivelare alla stampa e ai pm informazioni che avrebbero potuto danneggiarlo, nell’ambito del processo Ruby ter.

Nella denuncia si legge “Dopo aver subito per anni le pressanti richieste di soldi delle ragazze delle cene di Arcore, documentate da intercettazioni a volte imbarazzanti, Silvio Berlusconi ha detto basta e per la prima volta dall’inizio nel 2010 dell’inchiesta Ruby ha denunciato una di loro”.

La donna sarebbe, comunque, già imputata per corruzione in atti giudiziari a Treviso in uno dei tronconi in cui è stato diviso il processo Ruby Ter. Come le altre ragazze coinvolte nelle famose “cene eleganti di Arcore”, anche Giovanna Rigato avrebbe mentito durante le varie testimonianze rese nelle varie udienze del processo Ruby. E come le altre, anche lei avrebbe negato l’esistenza del giro di escort e ragazze che davano vita, come si disse all’ora, alle “gare di burlesque”.

Leggi anche