Buffon duro con l’arbitro: “Senza personalità, noi penalizzati”

buffon
Foto: Instagram Gianluigi Buffon

Gigi Buffon non le ha mandate a dire all’indirizzo dell’arbitro Oliver nel post partita del match tra Real e Juventus; anche Agnelli duro con il direttore di gara

Gianluigi Buffon probabilmente ha chiuso la sua carriera in Champions League con un espulsione al 93′, nel momento decisivo di Real-Juventus. Il portiere bianconero, cacciato per proteste dopo la concessione del rigore decisivo per l’eliminazione della squadra bianconera, nel post-gara ha parlato duramente di Oliver, direttore di gara del match.

Queste le sue parole: “Dopo una partita così, dove la squadra ha dato l’anima e stava compiendo un’impresa e succede una cosa del genere per me è assurdo. Vuol dire che non sai dove ti trovi e chi stai arbitrando. Mi dispiace aver lasciato i ragazzi in 10 ma per me c’è stata mancanza di sensibilità per quello che è accaduto. Vuol dire che al posto del cuore hai un bidone della spazzatura”.

Parole forti quelle di Buffon che ha poi continuato nella Premium Arena: Se non sei in grado di saper gestire una situazione del genere, puoi stare tranquillamente in tribuna con la famiglia e mandi qualcun’altro al posto tuo. E’ veramente una cosa inconcepibile, un’ingiustizia per quanto avevamo fatto. E all’andata a noi non venne concesso un rigore clamoroso su Cuadrado al 95′“.

Il portiere della Nazionale ha concluso facendo un plauso alla Juventus: “Io sono orgoglioso. Di tutti, di far parte di questo gruppo e di allenarmi con loro ogni giorno. Detto questo, auguro le migliori fortune al Real Madrid, ma forse meritavamo di esserci noi in semifinale.

Angelli: “C’è bisogno del Var”

Sempre alla Premium Arena, è intervenuto Andrea Agnelli, presidente della Juventus. Queste le sue parole: “Dopo quello che è successo stasera, anche in Uefa Champions League c’è bisogno della Var. Ma non solo, questo vale per tutte le competizioni europee. Noi italiane siamo penalizzate: oltre la Juventus, anche il Milan ha subito dei torti, così come la Lazio. Noi che in Italia il Var lo abbiamo. Deve cambiare qualcosa all’interno dell’UEFA, il primo è Collina.