Finita la tregua caldo, è di nuovo emergenza in Campania

Finita la tregua caldo, è di nuovo emergenza in Campania

La tregua concessa dal caldo è durata poco: è infatti in arrivo, a partire da domani, la sesta ondata di caldo dell’estate. Il picco è previsto per questo lunedì

project adv

A partire da domani, domenica 27 agosto, saremo invasi dalla sesta ondata di caldo, con il picco raggiunto già lunedì 28 agosto quando si toccheranno i 38 gradi.

In generale le temperature resteranno ben sopra alla media almeno fino a fine mese: infatti bisognerà attendere fino ai primi di settembre per le prime piogge significative secondo le previsioni dei meteorologi del Centro Epson Meteo.

Prosegue quindi anche la grave siccità del 2017 che sta “devastando” significativamente soprattutto le regioni del sud Italia, alle prese con lo spaventoso fenomeno degli incendi appiccati.

In particolare la Protezione Civile avverte che dalle ore 12 di domani, domenica 27 agosto, e per le successive 48 ore potranno verificarsi condizioni di criticità in tutta la Campania.

Infatti oltre alle temperature massime, superiori ai valori medi stagionali di 4-5°C, ci saranno condizioni di scarsa ventilazione, con un relativo tasso di umidità che, nelle ore serali e notturne, supererà anche il 70-80%.

Video del giorno

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerrorismo, un uomo attacca due militari a Bruxelles e viene ucciso
Prossimo articoloAnnabelle 2: Creation. La recensione di ZON.it

Classe 1986, specializzata con lode in Storia dell’Arte Contemporanea [cattedra di Carla Subrizi, La Sapienza] con la tesi “Trouble Every Day: Tous Cannibales, la voracità da tabù ad arte, dall’arte alla società”. Da sempre interessata all’arte come alla scrittura, e alla comunicazione in genere, scrive di cultura, politica e attualità. Storica dell’Arte, esperta SEO e freelancer per vocazione, attualmente collabora anche con Artribune e Tiragraffi Magazine. Da marzo 2013 cura un personale blog sull’arte: ArtFriche Zone. “Soltanto quando il senso di associazione nella società non è più abbastanza forte da dare vita a concrete realtà, la stampa è in grado di creare quell’astrazione, il pubblico” (Dwight MacDonald).