27 Dicembre 2017 - 19:52

Una Cleopatra così non l’avete mai vista, parola di David Scarpa

Cleopatra

Il nuovo progetto della Sony dedicato a Cleopatra, regina d’Egitto, promette di sovvertire generi e dettami drammaturgici trasformando un kolossal storico in un thriller politico

Prende man mano forma il nuovo biopic dedicato a Cleopatra messo in cantiere dalla Sony.

Cleopatra, tutti gli uomini della regina

Mentre è data ormai quasi per certa la presenza dietro la macchina da presa di Denis Villeneuve, le indiscrezioni si rincorrono circa i nomi degli sceneggiatori: pare che a comporre un ritratto della regina d’Egitto che si preannuncia quanto mai scorretto ci sarà un eccellente triumvirato in materia di parole che si fanno immagini: Eric Roth (Forrest Gump), Brian Helgeland e David Scarpa (Tutti i soldi del mondo, senza il vituperato Spacey).

Cleopatra sarà un thriller politico “sporco”, le dichiarazioni di Scarpa

Il nuovo volto della regina d’Egitto che viene fuori da questo film attinge a piene mani dalla biografia che Stacy Schiff ha scritto di Cleopatra, che si concentra soprattutto sulle abilità della donna come stratega, prima che sulle sue vicende personali; certo, ampio spazio è dedicato ai suoi due disastrosi matrimoni, al suo rapporto equivoco con Giulio Cesare ed a quello totalizzante con Marco Antonio, con il quale condivideva un progetto politico prima che personale: la fondazione di un grande impero, l’ombelico del mondo allora conosciuto.

Ecco cosa ha dichiarato David Scarpa in merito:

“Come in Tutti i soldi del mondo ho fatto un sacco di ricerche. La questione fondamentale era come tirarne fuori qualcosa di nuovo. Con Cleopatra invece di farne un film prestigioso, raffinato, con un sacco di comparse e roba del genere, lo abbiamo trattato come un thriller politico. Ci sarà un film “sporco“, pieno di sangue, un sacco di linguaggio forte e sesso, tutte quelle componenti che rendono oggi affascinante il thriller politico. Andremo nella direzione opposta rispetto a quello che tutti si aspettano.”

Nessun rumor sul cast

Chi prenderà il posto che nel 1963 fu di Liz Taylor, nella Cleopatra più produttivamente accattivante ma economicamente sfortunata? Non è dato saperlo. Come pure, sarebbe ancora in fase embrionale la composizione dell’intero cast.