Colpo di scena nella vicenda Corona



corona

Colpo di scena nella vicenda Corona: l’ex re dei paparazzi si è visto revocare l’affidamento di servizi sociali a causa di alcuni compensi che avrebbe percepito in nero per alcune sue apparizioni pubbliche. Un tesoretto da quasi due milioni di euro

Colpo di scena nella vicenda Corona. Dopo la conferma dell’affidamento ai servizi sociali alla fine di settembre, l’ex re dei paparazzi vede revocato il privilegio di scontare il resto della pena fuori dal carcere. Il colpo di scena è arrivato poco fa, con la Squadra Mobile di Milano che ha tratto in arresto Corona e una sua collaboratrice, Francesca Persi, titolare dell’agenzia Arena, che si occupa di eventi e promozioni.

L’accusa mossa all’agenzia è di “intestazione fittizia di beni”, con l’aggravante, per quanto riguarda Fabrizio Corona, di aver commesso il reato durante il periodo in cui era in prova ai servizi sociali.

La Direzione investigativa Antimafia ha stabilito che l’ex paparazzo dei vip avrebbe fatto gestire a Francesca Persi gli introiti in nero delle sue serate, per un totale si quasi due milioni di euro. Il colpo di scena è arrivato nel momento in cui questo “tesoretto” è stato trovato: il denaro si trovava infatti nel sottotetto di un’abitazione a Milano.

Gli investigatori, a quel punto, hanno ordinato una rogatoria in Austria: l’ipotesi è che la cifra trovata non corrisponda a quella effettivamente accumulata da Corona, che disporrebbe quindi di ulteriori cifre milionarie nascoste altrove.

Intanto, come misura preventiva, il Tribunale di Milano ha revocato l’affidamento in prova ai servizi sociali. I guai per Fabrizio Corona a quanto pare non sono ancora finiti.

 

Leggi anche