oncorso guardia di finanza
da pixabay

Fuori il bando di concorso per titoli ed esami per 66 Allievi ufficiali del ruolo normale, comparti ordinario e aeronavale, nella Guardia di Finanza. Ecco modalità di partecipazione e scadenza

Sulla Gazzetta Ufficiale num°19 del 9 marzo 2021 è stato pubblicato un nuovo concorso pubblico. Si tratta di un occasione aperta ai civili, per l’ammissione di 66 Allievi ufficiali del ruolo normale, comparti aeronavale e ordinario, all’Accademia della Guardia di Finanza per l’anno accademico 2021/2022. I posti sono 58 per il comparto ordinario e 8 per comparto aeronavale.

Potrebbe interessarti:

Requisiti, come partecipare e scadenza

Fino all’8 aprile, gli aspiranti potranno collegarsi al sito della Guardia di Finanza per consultare il bando di concorso. L’accesso avviene mediante la procedura telematica disponibile sul portale attivo. Bisogna possedere un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Il limite d’età fissato tra il 17esimo e il 22esimo anno e il possesso del diploma di maturità sono i due principali requisiti di accesso. Sarà possibile concorrere anche se il titolo verrà conseguito nell’anno scolastico 2020/2021.

Prove da sostenere e modalità

Le prove previste nel concorso della Guardia di Finanza consistono in 6 step totali. Si parte da una prova scritta di preselezione. Gli aspiranti dovranno affrontare un questionario di 100 quesiti a risposta multipla per il quale non è prevista una banca dati.

Coloro che supereranno la prima prova, avranno accesso a quella scritta (tema) della durata di quattro ore, su cultura generale. Il punteggio potrà variare da zero fino a trenta trentesimi. La prova avrà la medesima traccia per tutti i candidati.

Superate le prove culturali, seguiranno quelle di efficienza fisica e di idoneità psico-fisica. La prima consistente in: salto in alto, corsa piana 1000 m e piegamenti sulle braccia (per il comparto ordinario) o nuoto 25 metri stile libero (per il comparto aeronavale).

L’idoenità psico-fisica si acquisisce superando visita medica generale, esame delle urine ed ematochimici, visita cardiologica e neurologica. A questi accertamenti fisici e di salute seguiranno poi l’idoneità attitudinale e le prove orali. La penultima prova è atta a valutare l’attitudine dei futuri Allievi con uno o più test attitudinali per valutare le capacità di ragionamento.

Il concorso nella Guardia di Finanza prevede un’ultima e decisiva prova, ovvero quella orale. Le prove orali consistono in un esame di educazione civica e storia, un esame di matematica e di geografia e conoscenza della lingua inglese.

I vincitori di concorso sono ammessi ai rispettivi corsi di formazione della durata di 5 anni, in qualità di Allievi ufficiali del ruolo normale a Bergamo e a Roma.

Letture Consigliate