Condono: il “nuovo” provvedimento che guarda a Tremonti

Condono Fiscale

Diversi esponenti della Lega vorrebbero approvare il condono fiscale. Si cancellerebbero i contenziosi col fisco fino a un milione

Il Governo del cambiamento guarda incredibilmente al passato per le nuove misure fiscali. La cosiddetta “pace fiscale” promessa somiglierà al condono approvato dal Governo Berlusconi del 2002. Al momento, il provvedimento riguarderà le pendenze con il fisco fino a un milione di euro, sia quelle in essere che quelle che devono ancora essere scoperte.

Il Governo punta a incassare in tutto 20 miliardi di euro da questa misura una tantum. L’esecutivo non ha ancora pubblicato il testo. Il sottosegretario all’Economia, il leghista Massimo Bitonci, ha spiegato tutto in un’intervista. Il condono non incontra i favori di molti esponenti del Movimento 5 Stelle, ed è possibile che nei prossimi giorni avvengano trattative e discussioni per moderarne alcuni aspetti.

Dunque, il Governo del cambiamento resta ancorato a ciò che più critica da quando è stato istituito. Un vero e proprio cambio di rotta, per chi aspira ad essere la novità della politica italiana. Una novità inesorabilmente alla mercé della politica della Seconda Repubblica.