imprese Contributo a fondo perduto
Immagine da Pixabay

Il nuovo contributo a fondo perduto scatterà già da oggi. Per la richiesta serve un calo del 30% del fatturato tra il 2020 e il 2019

Novità in arrivo soprattutto per quanto riguarda le attività commerciali. Da oggi, infatti, scatterà il nuovo contributo a fondo perduto previsto dal Decreto Sostegno. Il contributo garantirà da un minimo di 1.000 € (che diventano 2.000 nel caso di soggetti diversi dalle persone fisiche) a un massimo di 150mila €. Spetta a tutti i titolari di partita Iva e alle imprese, compresi i forfettari, i professionisti iscritti agli ordini, le aziende agricole, gli enti non commerciali e le associazioni sportive dilettantistiche (ASD).

Potrebbe interessarti:

La domanda va inviata all’Agenzia delle Entrate a partire dal 30 Marzo. I modelli da seguire saranno quelli diramati dalla stessa Agenzia. Ma entriamo nel dettaglio e vediamo come si calcola il nuovo contributo a fondo perduto.

A chi spetta il contributo

Per poter chiedere all’agenzia delle Entrate il contributo a fondo perduto 2021 bisogna aver subìto un calo del fatturato e dei corrispettivi di almeno il 30% tra il 2020 e il 2019. Senza calo di fatturato, non si ha diritto al contributo.

Sono esclusi anche tutti i soggetti che nel 2019 hanno avuto ricavi oltre i 10 milioni di €. È escluso, inoltre, chi non aveva una partita IVA attiva alla data del 23 marzo, giorno di entrata in vigore del Decreto Sostegno. Perciò, chi ha cessato l’attività per colpa del Coronavirus, non ha diritto ad alcuna somma.

Letture Consigliate