Coppa Italia, i risultati degli ottavi: sarà Derby della Mole. Ok l’Atalanta



coppa italia

Gli ottavi di finale di Coppa Italia si sono conclusi: sarà a sorpresa Juventus-Torino ai quarti, Roma eliminata. Bergamaschi vincenti sul Sassuolo

La Coppa Italia ha salutato gli ottavi di finale con le ultime 3 partite che mancavano all’appello. Il Napoli (ieri vincente sull’Udinese) attendeva di conoscere la propria avversaria e sarà l’Atalanta di Gianpiero Gasperini. Mancava un ultimo accoppiamento, quello delle ultime due partite e che ha riservato la sorpresa più grande. La Roma cade in casa con il Torino e viene eliminata dalla Coppa Italia, mentre la Juventus batte facilmente il Genoa. Dunque, sarà Derby della Mole il 3 Gennaio, che andrà a fare compagnia all’altro Derby in programma ai quarti, quello della Madonnina tra Milan e Inter (27 Dicembre). L’altro ed ultimo quarto sarà tra Lazio e Fiorentina, martedì prossimo.

Atalanta-Sassuolo 2-1

Missione compiuta per l’Atalanta di Gasperini che vince 2-1 contro il buon Sassuolo di Iachini, al termine di una partita combattuta e bella. Decidono le reti di Cornelius e Toloi nel primo tempo, che sembravano aver indirizzato facilmente la partita sul binario orobico. Invece è stato proprio il difensore brasiliano a riaprirla con un autogol a 15’ dalla fine. Gol che ha dato fiducia al Sassuolo, con gli emiliani protratti ad un alto forcing finale per provare a portare la sfida ai supplementari. Ma non c’è stato nulla da fare, nonostante l’uomo in più nel finale (espulso Kurtic per fallo di reazione). L’Atalanta stacca il pass e affronterà il Napoli nei quarti di finale.

Atalanta (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Mancini, Bastoni; Castagne, De Roon, Haas (66′ Schmidt), Gosens; Kurtic; Orsolini (85′ Ilicic), Cornelius (88′ Gomez). All.: Gasperini.

Sassuolo (4-3-3): Pegolo; Gazzola, Cannavaro, Acerbi, Rogerio; Frattesi (74′ Politano), Cassata (54′ Magnanelli), Mazzitelli; Pierini (54′ Falcinelli), Matri, Ragusa. All.: Iachini.

Marcatori: 15′ Cornelius (A), 33′ Toloi (A), 75′ aut. Toloi (S)

Espulsi: 89′ Kurtic (A)

Roma-Torino 1-2

La sorpresa arriva dall’Olimpico, dove il Torino passa il turno a scapito della Roma. Finisce 2-1, grazie alle reti di De Silvestri e di Edera, una per tempo. Inutile il primo gol di Schick a 5′ dalla fine, che aveva accorciato le distanze. Ma i giallorossi hanno tantissimo da recriminare. In primis, due legni con El Shaarawy (traversa sullo 0-0) e proprio con il ceco (palo sullo 0-1). Poi c’è stato il rigore sbagliato da Dzeko sul 2-0, che poteva riaprire la partita. Eroe della giornata Vanja Milinkovic Savic, fratello di Sergej, che milita nella Lazio: il portiere, oltre al rigore parato, si è reso protagonista di 4-5 interventi decisivi ai fini del risultato finale. La squadra di Mihajlovic è stata cinica e spietata e ha ottenuto clamorosamente la qualificazione ai quarti. Ora sarà Derby della Mole contro la Juventus.

Dall’altra parte, grandissima delusione nel clan giallorosso, che abbandona la Coppa Italia alla prima partita. Un ko che è arrivato nonostante le tantissime occasioni create. Ma il calcio è crudele e se sbagli, paghi. E la Roma ha pagato carissimo.

Roma (4-3-3): Skorupski; Bruno Peres, Moreno, Juan Jesus, Emerson P.; Gerson, Gonalons, Strootman; Under, Schick, El Shaarawy. All.: Di Francesco.

Torino (4-3-3): V. Milinkovic-Savic; De Silvestri, Lyanco, Moretti, Molinaro; Acquah, Valdifiori, Obi; Edera, Belotti, Niang. All.: Mihajlovic

Marcatori: 38′ De Silvestri (T), 72′ Edera (T), 85′ Schick (R)

Note: Dzeko (R) ha fallito un calcio di rigore al 77′

Juventus-Genoa 2-0

Juventus (4-3-3): Szczesny; Lichtsteiner, Rugani, Chiellini, Asamoah; Marchisio, Bentancur, Sturaro; Bernardeschi, Dybala, Douglas Costa. All.: Allegri

Genoa (3-5-2): Lamanna; Biraschi, Rossettini, Gentiletti; Lazovic, Omeonga, Cofie, Rigori, Laxalt; Centurion, Galabinov. All.: Ballardini

Marcatori: 42′ Dybala (J), 76′ Higuain (J)

La partita risulta essere a senso unico. Quella della Juventus è un’autentica prova di forza, il Genoa invece una vittima sacrificale. Giusto il 2-0. La Juve segna sul proprio tabellino prima Dybala, poi il Pipita Higuain. La squadra di Torino colpisce per 14 volte la porta difesa da Lamanna. Tuttavia, da sottolineare i passi avanti fatti dal club genoano con l’arrivo di Ballardini. Esordio con rigore negato dal VAR per Pepito Rossi, al ritorno in Serie A dopo 2 anni.

Leggi anche