coronavirus

Coronavirus, le Iene hanno intervistato il Governatore della regione Veneto che ha raccontato della sua politica ”controcorrente”

Le Iene, tra i numerosi servizi a tema Coronavirus, hanno mandato in onda uno con l‘intervista al Governatore della regione Veneto, Luca Zaia.

Potrebbe interessarti:

Le parole del Governatore sono importanti perchè lui, nel gestire la pandemia, ha preso delle decisioni differenti che sono andate anche ”contro” il Governo, disubbidiendo ai dettami sui tamponi e forse, riuscendo a salvare più vite.

”Abbiamo fatto i tamponi a tutti i 3.000 abitanti. Tutti dicevano che non bisognava farli e ho ricevuto un sacco di attacchi. Però pensai, siamo davanti ad un virus che non conosciamo e abbiamo i primi due cittadini contagiati. Con i tamponi abbiamo trovato 66 positivi asintomatici, molti dei quali non avevano avuto contatti con i primi due positivi. Se avessimo lasciato quei 66 a piede libero avremmo avuto degli untori inconsapevoli” 

Zaia si riferisce al comune di Vo’, uno dei primi focolai del Coronavirus e anche uno dei primi comuni a esser diventato zona rossa, nonostante le numerose critiche ricevute per questa decisione. Il governatore ha così dimostrato di esser riuscito a contenere il contagio grazie ai tamponi a tappeto su tutta la popolazione di Vo’ (Padova).

La scelta di Zaia è stata controcorrente, infatti il Governo ha confermato che il tampone va fatto solo a chi presenta sintomi gravi, eppure grazie a questa strategia il comune di Vo’ è passato da 66 contagiati a 6. Che sia questa la soluzione per contenere il virus?

Letture Consigliate