Bollettino 29 Marzo 2021
immagine da pixabay

Mezza Italia ritorna in zona arancione, due Regioni invece vanno in zona rossa. Preoccupano i dati sui contagi da Covid-19

Il monitoraggio settimanale condotto dall’Istituto Superiore di Sanità ha evidenziato un considerevole aumento dei contagi da Covid-19. Attualmente l’Rt nazionale, l’indice che descrive il tasso di contagiosità del virus, si attesta intorno allo 0.99, una soglia che fa preoccupare gli scienziati. L’ultimo studio sui dati di questa settimana inoltre ha evidenziato un peggioramento della situazione epidemiologica per ben 5 Regioni, le Regioni a rischio alto passeranno così da una a cinque.

Potrebbe interessarti:

Le Regioni in zona rossa

Dalla prossima settimana potrebbero ritrovarsi in zona rossa la Basilicata e il Molise che ne ha fatto richiesta. Si tratta ancora di indicazioni preliminari, la parola finale come sempre al ministro Speranza che in giornata dovrebbe emettere le relative ordinanze che entreranno in vigore il lunedì.

Zone arancioni e arancio scuro

Preoccupa la situazione dell’Emilia Romagna, la regione infatti ha registrato un Rt pari a 1,1 riconfermandosi anche per la prossima settimana nella fascia arancione. Bologna intanto entrerà in zona arancione scuro da domani, le restrizioni nel capoluogo romagnolo dureranno due settimane. Nel Bolognese dunque da lunedì tutte le scuole di ogni ordine e grado, comprese le università saranno chiuse, previsto anche l’obbligo di smart working ove possibile. Quasi certamente passerà in zona arancione anche il Piemonte, l’aumento dei contagi Covid-19 infatti ha segnato un Rt superiore ad 1. Si teme inoltre per Lombardia, Piemonte e Marche che in seguito agli ultimi rilievi potrebbero passare in zona arancione. Sulle spine anche la Campania che attende di conoscere il proprio destino. Napoli potrebbe passare in zona rossa, lo stesso De Magistris non lo ha smentito, ma la Regione probabilmente rimarrà in arancione. In bilico anche Lazio e Puglia che oscillano tra giallo e arancione.

Letture Consigliate