Europa League, Manita per Milan e Atalanta che volano ai sedicesimi



europa league

Il Milan e l’Atalanta non falliscono e si qualificano al turno successivo di Europa League, la Lazio mantiene l’imbattibilità

La Lazio, già qualificata, non sa perdere e pareggia con il Vitesse

La Lazio, già qualificata per il prossimo turno di Europa League, ospita il Vitesse in cerca di punti per non abbandonare la competizione. Mister Inzaghi, come prevedibile, schiera varie seconde linee come il giovane Palombi in attacco e Vargic tra i pali.

Il risultato, nel primo tempo, si sblocca dopo appena 13 minuti col vantaggio del Vitesse: splendida punizione di Linssen che si insacca lasciando l’estremo difensore dei padroni di casa di sasso. La risposta della Lazio arriva sullo scadere del primo tempo quando, sul traversone di Basta, Luis Alberto conclude al volo trafiggendo il portiere. Splendido gol di uno dei pochi titolari in campo. Il primo tempo termina sul punteggio di 1-1. La seconda frazione non regala particolari emozioni e la partita si conclude in parità. La Lazio prolunga la propria striscia di imbattibilità e offre una buona prestazione dopo la sconfitta nel derby mentre, il Vitesse, con questo risultato, saluta con un turno d’anticipo l’Europa League.

Il Milan si qualifica per i sedicesimi e si sbarazza senza molti problemi dell’Austria Vienna

A Milano arriva l’Austria Vienna. Il Milan ha bisogno dei tre punti per qualificarsi matematicamente ai sedicesimi di finale di Europa League e mister Montella schiera la coppia di attacco formata da Andrè Silva e Cutrone per bucare la difesa avversaria.

Dopo 11 minuti, i padroni di casa vanno vicini al gol con Cutrone che sul cross di di Rodriguez, manda i di testa il pallone di poco fuori. Al 21′ l’Austria Vienna passa in vantaggio: Holzhauser lancia Monschein che, complice una rivedibile difesa del Milan, salta Donnarumma e conclude in rete nonostante il tentato salvataggio di Bonucci.

I padroni di casa non ci stanno e al 27′ trovano la rete del pareggio: Borini crossa in area, Andrè Silva prolunga di testa e trova Rodriguez che tutto solo, davanti al portiere, non sbaglia. Al 36′ arriva il raddoppio rossonero: punizione di Rodriguez che batte a rete ma trova Andrè Silva che stoppa il pallone e a pochi metri dalla porta, la insacca.

Passano altri 6 minuti e la squadra di Montella fa anche il terzo gol: Borini, dal fondo, la mette in mezzo e trova Cutrone che di testa batte Pentz. Un primo tempo ricco di emozioni si conclude sul 3-1. Nella seconda frazione il Milan mette in ghiaccio la partita: al 70′ Calhanoglu trova Andrè Silva in area che si coordina e col destro batte ancora l’estremo difensore.

Nel terzo dei 3 minuti di recupero concessi dal direttore di gara, anche Cutrone trova la doppietta personale trafiggendo Pentz dopo uno scambio con Antonelli. La partita si conclude con il risultato di 5-1. Il Milan di Montella blinda il primo posto nel girone, vola alla fase successiva dell’Europa League con un turno d’anticipo e si rialza dopo la sconfitta nell’ultimo turno di campionato con il Napoli.

Una sorprendente Atalanta spazza via l’Everton e si assicura il passaggio del turno

L’Atalanta vola a Liverpool per affrontare l’Everton già eliminato. I bergamaschi sono alla ricerca dell’ultimo punto che vorrebbe dire qualificazione aritmetica e mister Gasperini, per l’occasione, schiera in attacco Gomez e Petagna con Cristante alle spalle.

Dopo 12 minuti gli ospiti passano subito in vantaggio: Castagne arriva sul fondo, la mette in mezzo e dopo una respinta corta di Williams, Cristante è il più veloce di tutti ad arrivare sul pallone, insaccandolo. Alla mezz’ora l’Everton sfiora il gol del pareggio: Mirallas calcia da posizione defilata, Berisha respinge e sulla ribattuta, da ottima posizione, Sandro Ramirez spara clamorosamente fuori.

Al 38′ Toloi compie un salvataggio sulla linea che vale un gol: Davies conclude a botta sicura, supera Berisha ma il difensore brasiliano arriva di testa e salva tutto. La prima frazione di gioco si conclude 0-1 nonostante un paio di nitide occasioni per i Toffees. La seconda frazione si infiamma dopo appena 2 minuti con Williams che atterra Cristante in area: il direttore di gara non ha dubbi e assegna il calcio di rigore per l’Atalanta. Sul dischetto si presenta il Papu Gomez che si fa parare la conclusione da Robles e fallisce anche il tap-in trovando ancora una volta l’estremo difensore dell’Everton a dirgli di no.

Al 51′ gli ospiti vanno di nuovo vicinissimi al raddoppio: corner di Gomez, Williams rischia di buttarla nella propria porta, Robles riesce a respingere, il pallone arriva a Cristante che colpisce a botta sicura ma trova Kenny che salva sulla linea e tiene a galla i suoi. Il gol è nell’aria e al 64′ Cristante trova la doppietta personale deviando in rete il corner del numero 10, Gomez.

Al 71′ i padroni di casa accorciano le distanze con Sandro Ramirez che, servito in area da Mirallas, batte di destro Berisha. All’86’ la squadra di Gasperini chiude i conti con una grandissima conclusione di Goodens che dalla distanza, dopo una respinta della difesa, conclude al volo splendidamente battendo il portiere. Due minuti più tardi arriva anche il quarto gol degli ospiti con Cornelius che con una conclusione rasoterra batte Robles.

Al 93′ gli ospiti dilagano e ancora Cornelius batte il portiere, svettando di testa sul corner di Gomez. La partita termina sul punteggio di 1-5. Una stratosferica Atalanta spazza via l’Everton e si aggiudica un posto nei sedicesimi di finale di Europa League con un turno di anticipo. La partita con il Lione sancirà chi concluderà il girone al primo posto.

Gli altri risultati

Astana-Villareal 2-3

Athletic Bilbao- H.Berlino 3-2

Bate Borisov-Stella Rossa 0-0

Colonia-Arsenal 1-0

Konyaspor-Marsiglia 1-1

Lok.Mosca-Copenaghen 2-1

Lugano-Beer Sheva 1-0

Nizza-Waregem 3-1

Ostersunds-Zorya 2-0

Plzen-Steaua Bucarest 2-0

Rosenborg-Real Sociedad 0-1

Salisburgo-Guimaraes 3-0

Zenit Pietroburgo-Vardar 2-1

Aek-Rjeka 2-2

Braga-Hoffenheim 3-1

Lione-Apollon 4-0

Ludogorets-Basaksehir 1-2

Maccabi Tel Aviv-Slavia Praga 0-2

Partizan-Young Boys 2-1

Tiraspol-Zlin 1-0

Skenderbeu-Dynamo Kiev 3-2

Leggi anche