Eurovision 2022: ecco le 5 città in cui potrebbe svolgersi

TV e IntrattenimentoEurovision 2022: ecco le 5 città in cui potrebbe svolgersi

L’Eurovision 2022 si svolgerà in Italia: ecco le 5 città in lizza in cui potrebbe essere organizzato il prossimo maggio

L’Eurovision Song Contest 2022, dopo la vittoria dei Maneskin, si svolgerà in Italia il prossimo mese di maggio. In lizza per ospitarlo sono rimaste nel rush finale solo 5 città: Milano, Pesaro, Rimini, Torino e Bologna. Delle iniziali 22 che avevano mostrato interesse per l’organizzazione dell’evento, grazie ad una serie di controlli da parte della Rai e dell’Ebu, la scrematura finale è questa. Nei prossimi giorni, dopo un’altra attenta serie di controlli, avremo il nome della città ufficiale in cui ci sarà la nota manifestazione europea.

Sono quindi definitivamente fuori dai giochi: Sanremo, Acireale, Alessandria, Genova, Palazzolo Acreide e la capitale Roma. Tra i prerequisiti base per poter ospitare un evento di così grande estensione l’Ebu aveva stabilito la presenza di un aeroporto internazionale a non più di 90 minuti dalla città; poi oltre 2000 camere d’albergo nella zona vicina all’evento e un’infrastruttura (stadio/sede/centro) in grado di ospitare una trasmissione in diretta su larga scala con i requisiti minimi elencati di seguito.

L’infrastruttura

Inoltre, la struttura deve:

  • Essere al coperto, dotata di aria condizionata secondo gli standard vigenti e ben perimetrabile;
  • Avere una capienza di 8.000 – 10.000 spettatori nella sala principale durante l’evento
  • Essere dotata di un’area principale che possa ospitare un allestimento e tutti gli altri requisiti necessari a realizzare una produzione di alto livello con altezze disponibili di circa 18 metri; in particolare, con buone capacità di carico sul tetto, e facile accesso al carico;
  • Avere una struttura logistica intorno all’area principale che supporti le esigenze della produzione; tra queste: infrastrutture per la sicurezza, un centro stampa per 1.000 giornalisti, un’area per le delegazioni (artisti) che includa i camerini, strutture per il personale ed uffici, un’area per l’hospitality, servizi per il pubblico come toilettes e punti per la vendita di cibo e bevande ecc.;
  • Disporre di aree di facile accesso contigue ed integrate nel perimetro dell’infrastruttura per il supporto tecnico-logistico di 5.000 mq;
  • Essere disponibile esclusivamente per 6 settimane prima dell’evento, 2 settimane durante lo spettacolo e una settimana dopo la fine dell’evento per lo smontaggio.
Benedetta Picariello
Ciao sono Benedetta ho 23 anni e sono laureata in Scienze della comunicazione all'università di Salerno. Attualmente studio Media, comunicazione e giornalismo al "La Sapienza". Mi piacciono la lettura, il cinema, il teatro, i viaggi, insomma tutto ciò che mi permette di conoscere il mondo nelle sue mille sfaccettature. Sono stata giurata al Giffoni Film Festival dal 2015 al 2018

Covid-19

Italia
101,080
Totale di casi attivi
Updated on 28 September 2021 - 00:14 00:14